BFP a Pois – L’Incantesimo della Rapa

Sono assente da molti giorni dal shabby cottage, ma non dalla shabby cucina. Complici le ferie casalinghe, la frescura autunnale, mi sono data alla pazza spesa e alla pazza cucina.
Devo dare atto a mio marito del fatto che, Sì, per un uovo in tegame, devo ‘zozzare la cucina come se vi fosse passata attraverso un’orda di barbari inferociti. Ma pazienza…andrò, prima o poi, a scuola di: l’arte di cucinare un menù completo con un solo tegame.
E nel mentre i pois si allargano a macchia d’olio, per la gioia della principessina di casa. Piccola Miss sta sperimentando ogni sorte di sapore. 16 mesi in cucina con lei, quasi titolo di libro culinario, mi hanno insegnato ad apprezzare ancora di più le pietanze senza sale. Lei, particella elementare, simbolo della perfezione che attribuisco alla luce, piccolina, dispettosa e scopritrice del mondo, mi ha insegnato il vero sapore delle cose.
Così nel far cose d’ogni giorno ci si inventa, e si inventano storie…come quella dell’incantesimo della rapa.
C’era una volta una piccola barbabietola rossa tutta ricoperta di terriccio,che stufa di non esser considerata e apprezzata per la sua reale bellezza e virtù, chiese aiuto a Fata degli Orti.
“Oh, Fata degli Orti, quando sento tamburellare sulla terra quei deliziosi piedini e sento il vociare chiassoso e allegro dei bimbi che si rincorrono nell’orto, non posso fare a meno di agitare le mie foglie, spostarle e occhiaggiare nel sole sperando che mi guardino. Ma non avendo corole sgargianti e profumi nettarini, gli occhietti curiosi dei bimbi indugiano altrove.”
La Fata degli Orti, con lunghi capelli intrecciati color spiga di grano, occhi luminosi, azzurri e profondi come due laghi, scostò i ciufi ribelli della barbabietola, la prese gentilmente tra le mani, come fosse un piccolo cuore e le sussurro: “Cosa temi tu, cara amica? Lascia che racconti alle principesse come assagiando la tua polpa avranno labbra rosse come boccioli di rose. Mentre i principi avranno lo stesso coraggio che scorre nelle vene di un drago!”
Così, da quel giorno, l’incantesimo della barbabietola fa divenir rosse le labbra delle fanciulle e colma di coraggio il cuore dei fanciulli.
(come narratrice lascio a desiderare 😀 ma Piccola Miss per fortuna non capisce ancora molto, faccio in tempo a perfezionar le storielle)
Ma non indugio, nel mio esser sdolcinatamente mamy e passo ai pois…
Ingredienti:
  • 2 rape rosse di media grandezza (io per questione di scorte quantificabili in quintali ho usato le cotte confezionate sottovuoto)
  • 1 cipolla di Tropea piccola
  • 2 carote medie
  • olio EVO
In una casseruola soffriggere la cipolla e le carote tagliate finemente con un filo di olio EVO. Aggiungere le rape tagliate a cubotti, coprire con acqua e lasciate cuocere. Se usate quelle già cotte, vi basteranno 15min, se usate quelle fresche avrete bisogno di qualcosa in più.
Con il frullatore ad immersione dateci dentro e riducete il tutto a crema. Se avrete usato le fresche vi consiglio di passare la crema attraverso il colino (ma non è cosa necessaria neh!!!)
Per i pois, avete di che sbizzarirvi…io ho sciolto del parmigiano in un pochino di panna fresca.

(Visited 65 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

7 Comments on BFP a Pois – L’Incantesimo della Rapa

  1. Ely
    18 settembre 2012 at 6:18 (5 anni ago)

    Ciao mia cara! Bentornata con questa dolce storiella invece mi hai conquistato, a me piace molto la barbabietola 🙂 E trovo questa zuppa davvero confortante! Buona giornata

    Rispondi
  2. SELENDIR
    18 settembre 2012 at 10:00 (5 anni ago)

    Alè che ci risiamo! Ecco che tornano i pois!!! Non riesci a fare anche un “principe di Galles”??? 🙂 🙂 🙂 Mia dolcissima ti prendo un pò in giro, ma in realtà invidio, seppur bonariamente, la tua creatività, le tue capacità artistiche e culinarie. Tutto sommato la ricettina mi pare semplice e sfiziosella…come piace a me.

    Rispondi
  3. Miss Becky
    18 settembre 2012 at 11:51 (5 anni ago)

    Grazie Ely. Miss Potter avrebbe saputo illustrare e raccontare una storia di barbabietole molto bella, ma io sono solo Miss Becky e mi diletto con i punti (o come dice mio marito, con il morbillo 😀 )
    La barbabietola mi fa morire, in tutti i modi…e visto che ho il ferro sempre a livelli minimi assurdi da quando sono rimasta incinta di Viv, rapa è entrata nel lungo elenco di alimenti ok per il ferro 😉
    Bacettino e serena giornata

    Rispondi
  4. Miss Becky
    18 settembre 2012 at 11:55 (5 anni ago)

    Hai visto, ho le creme con il morbillo 😀 Non c'è molto da invidiare Seluccia. Sei una cuoca massima…e prima o poi la ricetta del tuo sugo con salsicciotte per la polenta me la devi darew…anzi, è già stagione di polente calde e fumanti.
    Questa cremina invece è di una semplicità assurda…e per gli sodio-maniaci, un pizzico di sale è più che concesso.
    Bacino-ino-ino…

    Rispondi
  5. la signorina pici e castagne
    25 settembre 2012 at 23:55 (5 anni ago)

    uuuh quanto mi garbano le ricette con le rape!!!
    questa versione a pois poi è troppo carina :)))))
    brava brava brava!!!!
    spno proprio contenta che tu abbia fatto capolino sul mio blog, così ora posso conoscere anche io questo tuo spazio così incantevole…
    bacio!!

    Rispondi
  6. Miss Becky
    26 settembre 2012 at 8:13 (5 anni ago)

    Questa è cosi facile da fare che ci vuole niente, giusto le rape 😀
    Sono felice di averti scoperta nell'oceano di cuochine 😉 Bacino, a presto!

    Rispondi
  7. Anonimo
    17 ottobre 2012 at 11:09 (5 anni ago)

    Mi piace tanto la rapa barbabietola 😀 anzi con lei ho i periodi odio-amore, ma è proprio questo il bello di lei!!!
    E… la storiella mi ha commossa… *.*
    Danina

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *