Risotto al Tarassaco, una cornice campestre

risotto with dandelion taraxacum
La frenesia delle giornate e le ore di luce a disposizione ci segano un pò le gambe. Le castagne ormai sono state raccolte, se si è stati fortunati…per gli altri, solo poltiglia mista fango. Per i porcini c’è stato l’assalto dell’Appennino Emiliano ed il frusciar dei boschi non era più di soli cerbiati, daini e cinghiali, ma di umani muniti di cestini, bastone e giacconi pesanti…perchè nemmeno la pioggia ferma la nevrosi da porcino. E posso dar loro torto?!!!
Io, colta da tremori invernali (saranno i desideri di un Bianco Natale?!) me ne sto a casetta, quando posso, tra fornelli e caminetto e al massimo posso scender il sentiero fino al più vicino Esselunga a caccia di prelibatezze di stagione. 
Tra zucche e castagne un pò di sfizi me li sono tolti. Mancano all’appello i miei amati melograni e i sopra nominati porcini.
Di sti tempi i campi sono letteralmente invasi di novello e tenero tarassaco. Ma non ho azzardato una spedizione campestre come anni fa, sebbene la cornice autunnale si presti bene a immagini bucoliche di una fanciulla piegata con la  testa in mezzo all’erba mentre raccoglie tarassaco inciampando sui funghi (non esattamente commestibili, ma qui intorno c’è stata l’invasione). Bensì mi sono affidata al mio ognipresente Esselunga che da qualche settimane ha riproposto i mazzetti ordinati, lavati e pronti all’uso. Che sfaticata!!! direte voi e non avete torto. 😀
Ma bando alle ciance ecco cosa vi serve per questo risotto.

Ingredienti per 2 persone:

  • 160g di riso vialone nano
  • 1 scalogno
  • 1 mazzo di tarassaco lavato e mondato
  • brodo quanto basta
  • 1 punta di zafferano
  • sale q.b.
  • burro e parmigiano per la mantecatura

Preparazione

In un tegamino far soffrigere lo scalogno. Ungere un tegame a sponde alte, mettere il riso e tostarlo. Quando diventa trasparente cominciate ad aggiungere il brodo e lo scalogno. Dopo 5 minuti aggiungete anche il tarassaco (precedentemente scottato in acqua bollente per meno di un minuto), aggiustate di sale e lasciate terminare la cottura. Mantecate con un cucchiaino di burro e parmigiano.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

4 Comments on Risotto al Tarassaco, una cornice campestre

  1. Limone e Stracciatella
    13 novembre 2012 at 11:29 (5 anni ago)

    Ma dai, il tarassaco in questa stagione? Io lo uso in primavera, ci faccio la pasta. Però deve essere ottimo anche nel risotto, vista la foto stupenda una forchettata la prenderei anche ora 🙂

    Rispondi
  2. Anonimo
    13 novembre 2012 at 11:39 (5 anni ago)

    Ho provato il tarassaco nella tua torta salata, al riso non ci avevo proprio pensato :DD
    Che poi il riso, come la pasta, si presta a tutto!
    Grazie cara… per tutto! soprattutto per quando Ricordi/amo le cose semplici :***
    Danina

    Rispondi
  3. Miss Becky
    13 novembre 2012 at 19:18 (5 anni ago)

    Mi piace proprio tanto quel sapore amarognolo Danina. Poi Viv se lo è proprio spazzolato il risotto…e se piace ad una bimba di 18mesi, figurati se non piace ai grandi 😉
    Grazie a te….per tutto, per il sostegno, per la voglia di provare le mie porcate culinarie 😛

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *