Roasted Pumpkin soup, caramelized Apples and toasted pumpkin Seeds

 

pumpkin and apple soup
L’autunno è nel pieno del suo splendore. Gli aceri e i tigli intorno a casa, da verdi quali erano tre settimane fa nel mezzo di una finta estate, non solo sono ingialliti, ma hanno perso anche le foglie. Pare di essere nel periodo del foliage canadese e perchè no, rumeno…perchè sì, anche la Romania in autunno ha un colore che non può invidiar proprio a nessuno. Con quelle distese di boschi interminabili, macchiate di ruggine, oro, rame, rosso rubino e qualche chiazza verde, da piccolina davo per scontato che le montagne fossero tutte bosco, per poi apprendere col tempo che di roccia ce n’è finchè mai in tutto il globo.
Ma torniamo a me, al freddo della sera, al caminetto scoppiettante, alle zuppe e alle creme e alle zucche signore incontrastate dell’autunno. Ultimamente, tra le molte cose che mi capita di cucinare, di fotografare e di non riuscire a postare perchè stretta coi tempi, ho speso un pò di energie nella preparazione di piatti con la zucca. Per cui, abbiate pazienza, ma sulla zucca ne dovrete leggere ancora qualcuna.
Per rimaner in tema di arrostimenti, oggi vi propongo questa…perchè sì signore e signori, ho scoperto che per fare una saporita vellutata o crema che sia, la zucca arrostita si presta favolosamente. Nella cottura con acqua, l’ammazzavo proprio.
Così eccovi la Vellutata di Zucca arrostita con mele caramellate e semi di zucca tostati, con la mia prediletta napoletana con vaghi sentori cetriolosi e delle mele Stayman da mezzo kg l’una, roba da omicidio se mai mi fosse venuta l’idea di lanciarla in testa a qualcuno.
Ingredienti
  • 750g di zucca (ho usato la sempre amata napoletana)
  • 2 carote
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio d’aglio
  • latte tiepido quanto basta
  • semi di zucca tostati
  • 2 mele stayman
  • sale
  • un pizzico di curcuma e zenzero
  •  olio EVO

Preparazione

Tagliate la zucca, le carote e 1 mela stayman a cubetti e mettete in una teglia. Pulite la cipolla e tagliatela a metà e aggiungetela alle verdure insieme all’aglio lasciato intero. Versate un po’ di olio EVO e aggiungete un pizzico di sale. Mettete la teglia in forno preriscaldato a 200°C e lasciate cuocere per circa 25min.
Lasciate intiepidire e poi riducete in crema la grigliata di verdure aggiungendo latte quanto basta, mezza punta di curcuma ed una timida spolverata di zenzero. Caramellate qualche fetta di mela e aggiungetela insieme ai semi di zucca tostati e servite con pane di semi o crostini. (io ho utilizzato un pane alle amarene che avevo fatto…buona buona quella punta acidella dell’amarena che contrasta con la dolcezza della zucca)

pumpkin caramelized apple soup

Note
La curcuma, di tutte le spezie, è quella che uso più spesso, proprio come la cannella e il macis. Adoro il libro e il film ‘La Maga delle Spezie’ e lì della curcuma la dolce Tilo racconta questo:

“Sollevando il coperchio del contenitore accanto alla porta della bottega, se ne percepisce subito l’odore, anche se ci vuole un attimo prima che il cervello ne registri l’aroma sottile, lievemente amaro come quello della nostra pelle, e altrettanto familiare.
Accarezzatene la superficie con la mano, e la serica polvere gialla vi infarinerà il palmo e i polpastrelli. Polvere d’ala di farfalla. Avvicinate la mano al volto. Strofinatevi le gote, la fronte, il mento. Non abbiate timore.
Per millenni prima dell’inizio della storia, le spose – e le fanciulle che aspiravano a maritarsi – hanno fatto lo stesso. Imperfezioni e rughe scompariranno, grasso e segni del tempo saranno spazzati via. Per giorni, in seguito, la pelle brillerà di un pallido bagliore dorato.
Ogni spezia ha un suo giorno speciale. Quello della curcuma è la domenica, quando la luce gocciola burrosa nei barattoli di latta che se ne imbevono fino a splendere, quando si pregano i nove pianeti affinché ci concedano amore e buona sorte.
La curcuma, chiamata anche halud, giallo, il colore dell’alba e dello squillo delle conchiglie suonate sul far del giorno. La curcuma, capace di conservare e di mantenere sano il cibo in una terra di calore soffocante e di fame. La curcuma, spezia della fortuna, spalmata sulla fronte dei neonati in segno di buon auspicio, sparsa sulle noci di cocco al momento della puja, strofinata lungo gli orli dei sari nuziali.
Ma non è tutto. Ecco perché le raccolgo solo nel momento preciso in cui la notte scivola nel giorno, queste radici bulbose come scure dita contorte, ecco perché le macino soltanto quando Swati, la stella della fede, brilla incandescente a nord. Se la tengo tra le mani, la spezia mi parla. Ha una voce di crepuscolo, sembra riecheggiare l’inizio dei tempi. «Io sono la curcuma nata dall’oceano di latte quando Deva e Asura ne rimescolarono le acque in cerca dei tesori dell’universo. Sono la curcuma venuta dopo il veleno e prima del nettare e perciò sto sospesa tra i due.»”
curcuma tumeric

La magia della curcuma è forte su ogni parte di noi. E’ un potente antiossidante, antinfiammatorio e secondo recenti studi avrebbe anche proprietà antidepressive. Antitumorale, cicatrizzante, purifica il sangue, il fegato e l’organismo in generale, abbassa il colesterolo cattivo, migliora l’aspetto dei capelli, dei denti e fortifica le unghie. Se utilizzato regolarmente regolarizza le mestruazioni, migliora i dolori articolari e tiene lontani i raffreddori. Questa polvere dorata meravigliosa è un portento di energia. Gialla come il Sole, proprio come lui porta la vita e la mantiene.

Io assumo alla sera quando sono molto giù di tono un cucchiaino del mio ‘medicamento’.
2 cucchiai di miele di tiglio
1 cucchiaino raso di curcuma
1 spolverata di cannella
1 pizzico di zenzero
Mescolare il tutto e chiudere in un baratolo. Utilizzare da solo o per addoclire/aromatizzare una buona tisana.
Strofinato sulla pelle insieme al miele è un buon trattamento antirughe.

Con questa ricetta partecipo al colorato contest di Essenza in Cucina valido dal 5 al 25 novembre.

essenza in cucina

 

(Visited 64 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

13 Comments on Roasted Pumpkin soup, caramelized Apples and toasted pumpkin Seeds

  1. SELENDIR
    15 novembre 2012 at 12:29 (5 anni ago)

    Certo che la foto ti fa venire una voglia irrestibile di “pucciare” un dito in quella crema dorata! Adoro zuppe e creme, me le farei in continuazione…peccato che vivo con 1 analfabeto culinario (figlio) che si oppone fermamente a tutto ciò che non è pasta asciutta!!! Ma io le faccio lo stesso, tuttalpiù lui salta. Non c'entra nulla ma…che bella l'immagine di questo bimbo con il pinetto sotto braccio e il cesto di doni!

    Rispondi
  2. Cinzia
    16 novembre 2012 at 1:07 (5 anni ago)

    Cara, ma questa zuppa è una vera magia, sarà anche “una delle tante” ma è super! E che bel post hai scritto! Mi hai fatto venire voglia di tirar fuori la mia curcuma, che non oso mai metter da nessuna parte 🙂 BRAVISSIMA, grazie della tua partecipazione!

    Rispondi
  3. Viola di Nebbia
    16 novembre 2012 at 2:53 (5 anni ago)

    …ogni volta che vengo qui sbavo….. che delizia… che delizia!! *.*

    Rispondi
  4. Miss Becky
    16 novembre 2012 at 11:02 (5 anni ago)

    Grazie Sele…sto sperimentando nuove possbilità a livello di fotografia in vista del laborioso progetto che va per le lunghe.
    Gli ignorantoni culinari presto o tardi svilupperanno un palato degno di un chef…vedrai.
    Hai visto che bella quella immagine…mi ricorda quando ero piccina ed era mai nonna a portare l'albero di Natale a casa in quel modo. 😀 ahhhh

    Rispondi
  5. Miss Becky
    16 novembre 2012 at 11:36 (5 anni ago)

    Dolce Cinzia, il tuo commento mi rende davvero felice. La magia della curcuma va sfruttata, non temere di usarla in cucina. Quando fai le verdure di accompagnamento al cous cous o al riso basmati usalo generosamente. Sul camembert, nelle zuppe di lenticchie…
    E' da luglio che voglio partecipare ad uno dei tuoi colorati contest ma non trovavo mai la ricetta “all'altezza”.
    Un bacio e a presto

    Rispondi
  6. Miss Becky
    16 novembre 2012 at 11:36 (5 anni ago)

    Violettina…prima o poi la Locanda prenderà forma sostanziosa…che dici?

    Rispondi
  7. Valentina
    16 novembre 2012 at 11:43 (5 anni ago)

    questa zuppa ha alle spalle una ricetta completa, fatta con amore e consapevolezza di come valorizzare al massimo ogni singolo ingrediente,fantastica!!
    a presto,
    Vale

    Rispondi
  8. Cinzia
    19 novembre 2012 at 0:29 (5 anni ago)

    ..ora l'hai trovata!

    Rispondi
  9. Miss Becky
    19 novembre 2012 at 8:57 (5 anni ago)

    Grazie di cuore Valentina. 🙂

    Rispondi
  10. Vaty ♪
    28 novembre 2012 at 11:59 (5 anni ago)

    Ciao Miss Becky!
    vengo qui dal contest di Cinzia! Sono rimasta colpita da questa ricetta e dalle immagini.
    Sarà un piacere seguirti.
    vaty

    Rispondi
  11. Miss Becky
    28 novembre 2012 at 16:06 (5 anni ago)

    Grazie Vaty. Silenziosamente seguo e adoro il tuo blog. Le tue ricette mi fanno impazzire.
    Colei che avvince con le sue grazie è culinariamente pazza d'amore per Colei che ama la Musica.

    Rispondi
  12. Anonimo
    5 dicembre 2012 at 11:49 (5 anni ago)

    Ecco cosa mi succede a leggere le ricette di mattina presto… il mio cervello non connette ancora! Mi chiedevo per quale motivo nella foto ci fosse il plum-cake e non la crema che la confondevo con il colore del piatto :DDD
    Bene, a parte i miei svarioni, dev'essere squisita!! pap pap!! 😀
    E grazie per la curcuma tesoro… ho imparato ad amarla da quando me ne hai parlato tu e ormai è un sacco di tempo che ne uso in abbondanza e a sproposito anche!
    Danina tua :***

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *