Snowdrops…because Imbolc is coming

russian tea cake rebecca sendroiu photo
Una giornata speciale questa per noi in famiglia. La mia piccola Viviana oggi ha compiuto 21 mesi. Sono mesi volati via letteralmente, nel turbinio di emozioni senza fine. I suoi primi respiri, i suoi primi sorrisi, le sue prime parole, i suoi primi passi, le sue prime corse, quelle di chi si affida fiducioso alla vita. Mia figlia ha fatto di me una persona migliore, mi ha resa felice e mi ha fatta sentire completa. Mi ha permesso di trovare il mio posticino nel mondo e benchè non ne sia consapevole, mi ha permesso di ritrovarmi in un mare dove spesso è facile perdersi.
Questi sono (vi sembrerò ormai monotona) giorni di neve. Così tanta che non smetto di adorarla e di gioirne come fossi infante. Mentre sto scrivendo, fuori dalla finestra si allungano come nodosi e artritici arti i rami spogli e grigi dei tigli che circondano casa. Scuotono i veli delle algide nebbie che fitte abbracciano ogni cosa in un silenzio ovatato.

Una sposa d’Inverno danzante che muove i veli bianchi e trasparenti, cristallini, che si getta attraverso l’aria, tra cielo e terra sospesa tra i Mondi. Immota bellezza che riporta i nostri passi verso Casa, quella casa affine alla nostra anima.
Ed in questi giorni che ci avvicinano ad Imbolc, alla Candelora che i nostri nonni festegiavano, io lascio bruciare lumicini bianchi, pensando a quelli teneri che timidamente fanno capolino tra una zolla di neve e l’altra. Bucaneve, tenerissimi come piccoli bimbi che si affacciano alla vita. Forse non avranno un grande profumo, non possiedono grandi corole ma sono l’espressione più viva della Rinascita.
Il bucaneve fa parte dei miei ricordi d’infanzia ed è un fiore a me caro, come lo sono molti altri, come la scilla silvestre, i narcisi, i tulipani e i giacinti, i crochi e le primule.
E proprio pensando ai bucaneve, che un’amica ha avvistato intorno a casa sua e della quale sarò ospite il prossimo fine settimana (mi improvviserò una fotografa naturalista…National Geographic sto arrivando… seeee 😀 hihihihih), ho trovato giusto onorare la loro presenza su questa terra preparando dei deliziosi biscottini conosciuti con molti nomi, tra i quali spicca anche quello di bucaneve! E non sono certo i Doria intendiamoci 😉
Snowdrop, snowballs, russian tea cake, mexican wedding cookies. Sono solo alcuni dei nomi con cui ho sentito nominare questi dolcetti davvero deliziosi.
Oltre alla verità che sono buoni, le origini sono presto svelate con una piccola ricerca in rete. Questi dolcetti sono nati intorno al 18 secolo in Russia. Piccole delizie che accompagnavano la cerimonia del te. Nel ventesimo secolo hanno fatto la loro comparsa negli Stati Uniti dove sono entrati a far parte della tradizione natalizia e nuziale.
Questi miei gli ho addattati costretta dalla dispensa, ma sono forse anche meglio dei presunti originali….ed inoltre, sono decisamente vegani.
Ma bando alle ciance, facendo gli auguri pubblicamente alla mia piccola con una canzoncina che ho ascoltato spesso quando ero in attesa di lei, vi lascio questa deliziosità superba, degna per concludere bene il mese di gennaio.

russian tea cake rebecca sendroiu photo
Ingredienti:
  • 1 tazza di margarina Vallè
  •  1 1/2 tazza di farina di mandorle
  • 1 tazza di nocciole tostate trittate
  • 1 1/2 tazza di farina 00
  • 1 tazza di zucchero a velo + 2 per spolverare i bucaneve
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia oppure i semini di un bacello di vaniglia
  • 1 punta di lievito vanigliato
  • 1 pizzico di cardamomo in polvere
  • 1 pizzico di sale
Preparazione:
In una ciotola ampia lavorate con la frusta la margarina con qualche cucchiaio di zucchero a velo. Quando sarà spumoso e chiaro il composto, aggiungete il resto dello zucchero e lavorate nuovamente. Aggiungete poco alla volta la farina di mandorle, le nocciole, l’estratto di vaniglia, il lievito, il sale, il cardamomo ed infine la farina 00. Lavorate con le mani finchè non avrete ottenuto un composto liscio, appiccicoso ma facile da lavorare. Coprite la ciotola con la pellicola e mettete in frigo per 20min. 
Sulla spianatoia mettete un pò di farina formate dei salsicciotti e tagliateli a pezzi preferibilmente uguali. Lavorate i pezzi di impasto tra i palmi formando delle palline che disporrete su una teglia per biscotti coperta di carta forno. Non dovete lasciare grandi spazi tra un biscotto e l’altro, perchè comunque non aumentano di volume.
Infornate a 180°C per circa 20min. In una ciotola pulita mettete due tazze di zucchero a velo e passatevi dentro facendoli rotolare i biscotti.
Nota: il ricamino che vedete nella foto mi è stato ispirato lo scorso Imbolc dalla dolcissima ‘stitcherina’ Laura. Qui trovate altre sue creazioni meravigliose.
(Visited 43 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

18 Comments on Snowdrops…because Imbolc is coming

  1. La casa sulla scogliera
    30 gennaio 2013 at 19:42 (5 anni ago)

    Che buoni questi dolcetti e che bello pensarti a casa con tutta quella neve candida e fredda fuori! Auguri ed un bacio alla tua piccolina!
    Elli

    Rispondi
  2. Miss Becky
    30 gennaio 2013 at 20:15 (5 anni ago)

    Grazie Elli. Effettivamente è bello passare del tempo davanti al caminetto mentre fuori fa decisamente freddo. Abbraccioni immensi.

    Rispondi
  3. giulia pignatelli
    30 gennaio 2013 at 21:22 (5 anni ago)

    i dolci sono magnifici… ma soprattutto condivido il tuo tornare bambina nel vedere la neve… Qui piove, e la pioggia rende tutto triste, la neve mette allegria :))

    Rispondi
  4. Acqua
    30 gennaio 2013 at 23:31 (5 anni ago)

    Che meraviglia Reb! Le parole nate dal cuore e donate a noi insieme alle gioie che vengono dal 'fare' con amore… Grazie ♥♥♥

    Rispondi
  5. Miss Becky
    31 gennaio 2013 at 0:15 (5 anni ago)

    Spero possa raggiungere presto tutti una dolce neve Giulia.

    Rispondi
  6. SELENDIR
    31 gennaio 2013 at 9:18 (5 anni ago)

    L'ho sempre pensato anch'io che l'ingrediente principale/segreto della tua cucina è “l' Amore”.E non solo nella cucina! Deliziosi dolcetti, belli a vedersi,immagino a gustarli. Guardati bene dall'immortalare anche me nelle tue foto! Non puoi rovinarti sempre e dovunque i tuoi servizi fotografici!!! 🙂

    Rispondi
  7. Miss Becky
    31 gennaio 2013 at 9:36 (5 anni ago)

    Grazie Sele. Quando sei circondato d'amore, fare con amore non è difficile. Mentre sul servizio fotografico, lascia fare…quando ti ho rubato quella foto dove eri sorridente, in quell'espresssione è venuta fuori tutto il tuo Essere stupendamente donna! Come la chiamo io: Gioiezza!!!
    A presto miei piccoli bucaneve!

    Rispondi
  8. Ely Valsecchi
    31 gennaio 2013 at 17:26 (5 anni ago)

    Che post delizioso, non so perchè ma leggendoti ti immagino in una casetta immersa nel bosco, circondata da prati e alberi nell'attesa di vedere qualche topolino di Leopoldina che sbuca li intorno, davvero sai? Sei così fortunata?
    Questi dolcetti sono deliziosi e non li conoscevo, ma con quanti nomi sono conosciuti! Un bacione

    Rispondi
  9. fresaypimienta
    31 gennaio 2013 at 17:31 (5 anni ago)

    Felicidades! qué delicia de bocado tiene un aspecto delicioso, un beso

    Rispondi
  10. Miss Becky
    31 gennaio 2013 at 18:24 (5 anni ago)

    Nei sogni, il mio cottage è immerso ben in un luogo così 🙂 Ma giusto nei sogni Ely dolcissima 🙂
    Per quel che riguarda i dolcetti, devi assolutamente provarli 😉

    Rispondi
  11. e il basilico
    2 febbraio 2013 at 19:32 (5 anni ago)

    Tanti auguri di cuore alla tua piccola! Ogni volta che leggo i tuoi post sogno di essere a casa tua Becky, mi sembra di vivere una favola, che bello. Buona domenica. un bacione

    Rispondi
  12. Anonimo
    4 febbraio 2013 at 23:23 (5 anni ago)

    E' stato un Imbolc meraviglioso in vostra compagnia :)) non vedo già l'ora di rivedervi… ^^
    Come sempre ti dico che adoro ogni tipo di biscotto 😀
    ed eccomi qua… ce l'ho fatta ad arrivare al tuo ultimo post :p scusami tesoro… sono lenta, ma assorbo bene queste delizie nel tempo ;))
    Danina

    Rispondi
  13. ILDeborino
    13 febbraio 2013 at 18:33 (5 anni ago)

    Adoro la neve, anche s epoi devo spalare il vialetto, adoro i dolcetti, anche se poi mi tocca pedalare per chilometri per smaltirli, adoro il cardamomo e per quello non ci sono controindicazioni!
    Mi piacciono moto questi dolcetti e credo che proverò a farli prossimamente…
    Se ti va passa a trovarmi sul mio blog: http://ildeborino-busybee.blogspot.it/
    🙂

    Rispondi
  14. Miss Becky
    13 febbraio 2013 at 19:04 (5 anni ago)

    Ne sono felice fogliolina 🙂

    Rispondi
  15. Miss Becky
    13 febbraio 2013 at 19:04 (5 anni ago)

    Non ti preoccupare Danina 🙂 è stato meraviglioso anche per me! per noi!

    Rispondi
  16. Miss Becky
    13 febbraio 2013 at 19:05 (5 anni ago)

    Felice di conoscerti 🙂 i dolcetti sono deliziosi, almeno così dicono qui in casa 😀

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *