Biscotti ai semi di Papavero e Parmigiano

Siamo entrati da pochi giorni nella fase di luna calante ed io attendo con ansia il momento in cui seminerò finalmente i semini per la nuova stagione. Dopo il 12 marzo ogni giorno per i seguenti 10 giorni sarà buono per seminare. Così anche quest’anno pomodori, cetrioli, zucchine, melanzane e fragole saranno i benvenuti sul mio balcone. Farò la semina in semenzaio e al momento opportuno, quando di notte le temperature non scenderanno più tanto, farò il trapianto in vasi fuori sul balcone.
Mi frullano già per la testa, come l’anno scorso del resto, certe idee verticali 😀
Con materiali di recupero, per chi come me non possiede un pò di terra, si può realizzare un orto verticale sul balcone da far invidia perfino alle serre. Certo ci sono piante come i pomodorini, le zucchine e i cetrioli che hanno bisogno di vasi più ampi e quelli si possono organizzare tenendoli a terra. Ma per pianticelle aromatiche oppure per deliziose fragoline rampicanti rifiorenti basta poco spazio e le dimensioni verticali sono l’ideale.

Così, in attesa che la luna sia propizia alla crescita delle mie piccole amiche, mi diletto ancora un un pò ai fornelli.
Questi biscottini salati mi erano saltati all’occhio già da tempo dalla cara Sigrid e ieri era decisamente giunto il tempo di farli.
Cosi seguendo la sua ricetta, quasi alla lettera, ne ho preparato qualcuno da mangiare con del buon burro d’Isigny aromatizzato alle erbe (come se di burro non ce ne fosse abbastanza dentro la ricetta stessa) o del formaggio fresco di capra.

Ingredienti:

  • 200g di farina
  • 100g di burro d’Isigny
  • 1 uovo intero
  • 80g di Parmigiano grattugiato
  • 2 cucchiai abbondanti di semi di papavero bio
  • 1 pizzico di fleur de sel de Camargue
Preparazione:
Mescolare le parti secche (farina, papavero, Parmigiano, sale) unire il burro a pezzetti e lavorare tra le dita come si usa fare per la frolla. Assicuratevi che tutto il burro sia perfettamente sbricciolato insieme alla farina ed infine unite l’uovo sbattutto. Lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo. Coprite con pellicola e lasciate in frigo per circa 1 ora.  Questo eviterà che l’impasto si restringa durante la cottura.
Togliete l’impasto dal frigo e stendetelo con il matarello tra due fogli di carta da forno. Tagliate con formine, o con un semplice coltello. Infornate nel forno preriscaldato a 175° e fate cuocere per circa 10min.

A differenza di Sigrid, io li ho fatti un pò più bassi. Sono davvero deliziosi, come sgranocchio, aperitivo con amici e crostini per zuppe.
(Visited 189 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

17 Comments on Biscotti ai semi di Papavero e Parmigiano

  1. Piovonopolpette
    28 febbraio 2013 at 11:29 (5 anni ago)

    Salvo subito la ricetta! Mi piacerebbe avere un orto verticale, sul balcone, ma qui il clima è ostile… ci abbiamo provato tante volte, ma alcune piantine hanno bisogno di sole e qui sole se ne vede poco! Buona giornata!

    Rispondi
  2. Ely
    28 febbraio 2013 at 12:03 (5 anni ago)

    I tuoi biscotti sono perfetti.. e quelle idee per seminare una più bella dell'altra! Anche io non vedo l'ora di seminare.. di veder crescere nuove e fresche piantine, dal profumo di vita!! Sei un tesoro e ti abbraccio forte forte!

    Rispondi
  3. Dolcemeringa Ombretta
    28 febbraio 2013 at 12:23 (5 anni ago)

    Io purtroppo ammiro i tuoi lavori e la passione che hai.. ma non ho il pollice verde, mi sono impegnata per paio d'anni ma poi mi sentivo cosi' crudele a far morire ogni volta le piante… ora guardo le margherite che crescono spontanee nel mio giardino:)
    biscottini davvero sfiziosi per un aperitivo sono davvero perfetti:)

    Rispondi
  4. Elle
    28 febbraio 2013 at 12:28 (5 anni ago)

    Questa storia della luna mi incuriosisce molto. Io ho un mio bell'orticello nel giardino e sto aspettando con ansia il momento in cui potrò ricominciare a lavorarlo. Però non conoscevo la storia della luna.
    I biscotti mi piacciono un sacco, mi ricordano quelli che facevo da piccolina con mia sorella, solo che in quelli non c'erano i semi di papavero che donano un aspetto rustico che adoro! Un abbraccio

    Rispondi
  5. Ros Mj
    28 febbraio 2013 at 12:32 (5 anni ago)

    Mi piacciono moltissimo questi biscottini salati e la tua idea del giardino verticale è geniale!! In effetti in terrazza avrei un'intera parete da riempire… Mi consulterò con il marito architetto :-D. Un bacio, carissima!!

    Rispondi
  6. SELENDIR
    28 febbraio 2013 at 12:38 (5 anni ago)

    Ohhhhhhh…ohhhhhh….occhi a cuore e bocca a baciotto! Ma questi sono biscosfizi!!! Ma come promettono bene. Solo una piccola precisazione per una rincoSele: quando metti i biscosfizi nel forno li lasci tra 2 fogli oppure no? Non penso, ma non si sa mai….le fragolozze appese, e i fiori vertical limit….mon amour

    Rispondi
  7. Chiara c.
    28 febbraio 2013 at 13:36 (5 anni ago)

    che piacevole scoperta il tuo cottage!
    incantevli atmosfere, meravigliose ricette, scatti splendidi…complimenti!!

    Rispondi
  8. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 17:40 (5 anni ago)

    Mi spiace stella (credimi mi sto spremendo le meningi per capire dov'è questo posto dove il sole è un optional 😀 …e comincio a pensare d'esser scarsa in geografia) Sono sicura che qualcosa possa crescere anche da quelle parti.
    Un abbraccio grande grande

    Rispondi
  9. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 17:41 (5 anni ago)

    Che bello Ely vedere come la vita riprenda a germogliare tra i nostri blog, ed insieme a lei la primavera.
    Un bacio grande cara amica.

    Rispondi
  10. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 17:45 (5 anni ago)

    Ombretta, tesoro, non demordere. Sei pesciolina, ci deve pur essere li da qualche parte nelle tue venuzze il gene bio/verde…ne son sicura.
    Pensa che quando ero in attesa della mia piccola Viv ho trovato un seme germogliato dentro una mela, l'ho piantato ed è cresciuto. E' cresciuto finchè la mia pancia non ha cominciato ad evidenziarsi molto, poi ha lasciato probabilmente tutta quell'energia che possedeva alla mia dolce fanciulla del Melo. Sono certa che dentro Viv c'è un pò di quell'energia vegetale….e c'è in tutti noi, basta solo scoprire quali sono le piante che ci amano.

    Rispondi
  11. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 17:55 (5 anni ago)

    Elle, che bello sarà saperti tra un pò nel tuo orticello. Se intendi seminare pomodori, cetrioli, zucchine, angurie, meloni, melanzane e insalate da taglio fallo sempre in luna crescente. La luna crescente da una spinta evolutiva al seme e lo aiuta a germogliare e tendersi verso l'alto. Al contrario, quando semini sedano, cipolle, aglio, carote, patate, porri, rape devi farlo nel periodo di luna calante, cioè ora. Poichè tutta l'energia convoglia verso il terreno, dove la pianta si sviluppa e da dove trae energia e nutrimento. La stessa cosa vale anche per i capelli. Se dovete tagliare, fatelo ad inizio di luna crescente, cosi cresceranno più rapidamente. Se usate le tinte, fatelo in luna calante perchè dura di più e la riscrescita tarda. Idem le pulizie, fatte durante la luna calante pare durino di più. 🙂
    Cappppperi, che papiro ho scritto?!
    Un abbraccio…

    Rispondi
  12. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 18:00 (5 anni ago)

    Seluccia dolce, un solo foglio di carta forno è sufficente, se no si brasano nella carta 😀 Le fragole appese sono una meraviglia da guardare e gustare…Voglio un cesto appeso per ogni cm quadrato di balcone e passeggiare tutta l'estate sotto cespugli grondanti fragole…fare il bagno nella piscinetta gonfiabile di Viv con ste fragole che mi occhieggiano baciate dal sole.
    Bacetti Sele

    Rispondi
  13. Miss Becky
    28 febbraio 2013 at 18:01 (5 anni ago)

    E' un piacere ospitarti qui Chiara. Grazie per i complimenti che mi fanno immensamente piacere. A presto 🙂

    Rispondi
  14. Simona Mastantuono
    2 marzo 2013 at 17:46 (5 anni ago)

    Cara miss Becky hai un blog splendido ricco ricchissimo di idee golose e stuzzicanti ti seguirò molto volentieri

    Rispondi
  15. Miss Becky
    2 marzo 2013 at 21:41 (5 anni ago)

    Grazie per i tuoi complimenti da me molto graditi. Mi fa piacere ospitarti nel Cottage. 🙂

    Rispondi
  16. Anonimo
    11 marzo 2013 at 19:30 (5 anni ago)

    Cos'è il “fleur de sel de Camargue” cara? un alcolico immagino! Va bene anche il burro normale?! :p so che la riposta è un mezzo sì, ma sei troppo bella quando insisti sui burri… francesi?! è un'ipotesi 😀
    Bacini tanti,
    Danina

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *