Milk Rice Pudding e avanzi di quatre quarts al limone e cardamomo

milk rice pudding leftover lemon cardamom cake
Oggi è stata una giornata di quelle coccolose. Vuoi che è martedì, che all’orizzonte ancora non si scorge il lieto fine settimana, vuoi che il tempo uggioso non invogliava di certo ad abbandonar dimora e dolce pargola, aggiungiamoci pure anche gli insuccessi culinari di ieri (su 2 torte, 2 si sono fatte prendere da sconforto e sono colassate manco fossero souflè)…ma oggi era una di quelle giornate che richiedevano tante, ma tante coccoline. Tutte quelle che effettivamente ho avuto rientrata a casa.
Della mia passione per il pudding, meglio conosciuto ai tempi della mia infanzia semplicemente con il nome di riso dolce al latte, vi avevo già parlato lo scorso anno. Era uno dei miei cibi coccola da cucciola…e non solo per me. Ha coccolato intere generazioni di fanciulline indisposte nella mia famiglia. Indisposizioni di varia natura.

Quello della mia infanzia era semplice, per lo più arricchito da polvere di fata (cannella) o da semplice nettare delle fanciulle che bisbigliano agli dei (miele di dolci dolcissime apine).
Il mio di oggi porta in cima l’insuccesso di ieri. Due sfornate di quatre quarts al limone e cardamomo, che come detto sopra, ha avuto la sfortunata idea di sgonfiarsi, di svenire nella teglia…una scena degna del miglior souflè. Un insuccesso dovuto ad una indisposizione mensile che ho constatato nel tempo mi fa spesso questo scherzo con torte e lievitati.
Ma torniamo a questa delizia profumosa che ha reso lieto il pomeriggio…Per quella cosetta sbriciolata in cima, vi do già la ricetta, ma appena gli ingredienti tornano ad essere collaborativi, vi posto bene anche le foto.
Ingredienti
Per il riso al latte:
  • 80g di riso arborio
  • 600ml di latte intero
  • 1 cucchiaio di panna fresca
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 2 capsule di cardamomo (i semini pestati nel mortaio e ridotti in polvere)

Per il quatre quarts al limone e cardamomo:

  • 150g di zucchero
  • 150g di farina 00
  • 150g di burro
  • un pizzico di lievito epr dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 5 capsule di cardamomo
  • 1 limone biologico (scorza + polpa)
In una casseruola mettete sul fuoco il riso, il latte e lo zucchero. Portate ad ebolizione a fuoco lento e lasciate cuocere fin quando il liquido si riduce. (circa 20/25min)
Per la torta lavorate a spuma i tuorli, lo zucchero e il burro. Aggiungete la scorza di limone e la polpa pelata a vivo, i semini del cardamomo sminuzzati nel mortaio e la farina poco alla volta. Montate a neve ferma gli albumi e incorporateli al resto del composto.
Versate il composto in uno stampo imburrato ed infarinato. Fate cuocere nel forno preriscaldato a 175° per circa 25/30min.
milk rice pudding leftover lemon cardamom cake

milk rice pudding leftover lemon cardamom cake
Intrusi sul set….la dolce Viv e la sua pecorella Timmy-lana-blu.
Intutile dirvi che ne ho fatto di quelle manine pasticciate di pudding….me le sono mangiateeee!!!!
(Visited 52 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

29 Comments on Milk Rice Pudding e avanzi di quatre quarts al limone e cardamomo

  1. Ely
    5 marzo 2013 at 23:59 (5 anni ago)

    Che manine d'amoreeee! <3 <3 Chi non se le mangerebbe? 😀 Troppo graziosee.. e questo dolcino è meraviglioso.. polvere di fata, sussurri di fanciulle agli dei.. una delizia immensa e poetica! Ci vivrei!! Complimenti di cuore, amica mia!! TVB!

    Rispondi
  2. lucy
    6 marzo 2013 at 8:52 (5 anni ago)

    decisamente poesia nei gesti e in un budino che sa di affetto e di consolazione..

    Rispondi
  3. Vaty ♪
    6 marzo 2013 at 9:47 (5 anni ago)

    Ci credo, sono dolcissime 🙂 adoro le loro intrusioni sui ns. set:-))
    Mia cara, questo post potevo averlo scritto anch'io visto che pure nella mia modesta infanzia ricordo bene della sensazione di conforto del riso dolce. Riso un po' diverso ma la sensazione e' la medesima.
    Mi dispiace per i tuoi tentativi andati male, se ti consola, il volevo provare un pudding con tapioca ma ne è uscita una creme caramel immangiabile e troppo dolce e pesante 🙁
    Vedo che invece con questo tuo pudding hai creato una nuova delizia. E che belle foto, luminose e con colori che tanto amo ^_^

    Rispondi
  4. Elle
    6 marzo 2013 at 12:42 (5 anni ago)

    Carissima, l'importante é non demoralizzarci con i nostri insuccessi ma, anzi, valorizzarli al massimo come hai saputo far tu: hai trasformato un punto debole nel punto di forza di questa ricetta! E quelle manine? Come si fa a deprimersi per una torta se si hanno quelle manine per casa?! Un abbraccio

    Rispondi
  5. Anonimo
    6 marzo 2013 at 17:15 (5 anni ago)

    I disastri in cucina sono nella norma secondo me 🙂 ci sbattiamo tutte la testa, me compresa… però è vero, fanno arrabbiare sul momento 😀 e poi ci ridi sopra :p
    Che buon pudding!
    Danina

    Rispondi
  6. Miss Becky
    6 marzo 2013 at 17:26 (5 anni ago)

    Grazie Ely…Quelle dolci manine sono la mia gioia più grande. 🙂

    Rispondi
  7. Miss Becky
    6 marzo 2013 at 17:29 (5 anni ago)

    Sono delizia per occhi e cuore le nostre pargolette. 🙂 In fatto di disastri culinari, se non altro la torta era buona da morire, solo un pò moscetta 😀 Quando la preparerò nuovamente e le farò il servizio fotografico sarò felicissima di condividere con voi oltre al sapore anche l'aspetto 😉

    Rispondi
  8. Miss Becky
    6 marzo 2013 at 17:43 (5 anni ago)

    Tutte le crisi, le nevrosi, gli isterismi…passano quando quelle manine mi prendono il viso ed una dolce pargoletta mi riempie di baci.
    Un abbraccio

    Rispondi
  9. Miss Becky
    6 marzo 2013 at 17:43 (5 anni ago)

    Credo ci debbano essere per forza…altrimenti come possiamo dire: sono partita da qui e guarda ora che ho fatto???!!!! 🙂
    Bacetti

    Rispondi
  10. Elisa
    7 marzo 2013 at 10:20 (5 anni ago)

    Ciao! Grazie di essere passata da me 🙂
    Che belle le manine intruse sul set! Il mio pargolo se si avvicina al mio set punta subito al cibo: golosone lui! 😀
    Hai rimediato perfettamente agli “insuccessi” con questo golosissimo pudding!
    Piacere di conoscerti e a presto!

    Rispondi
  11. Anonimo
    7 marzo 2013 at 11:39 (5 anni ago)

    Finalmente la ricettina del riso dolce, e anche arricchito! Buona giornata e buona colazione (Mi riferisco alla fot più avanti.) fabiola

    Rispondi
  12. e il basilico
    8 marzo 2013 at 10:03 (5 anni ago)

    Che chiccheria, oggi, wow. La seconda foto è dolcissima, troppo bella. un bacio grande. eleonora

    Rispondi
  13. Emanuela Ricami di pastafrolla
    8 marzo 2013 at 13:41 (5 anni ago)

    Ciao piacere di conoscerti, ho intravisto il tuo blog in quello di una maica comune( la grande Vaty) ed ho deciso di venire a frti vistita, complimento per le tue belle ricette e le bellissime foto. Ti segurò con piacere, a presto Emanuela.

    Rispondi
  14. monica pennacchietti
    9 marzo 2013 at 7:08 (5 anni ago)

    Tu getti luce su una delle mie teorie più strambe,ma vere.L'indisposizione mensile è la principale nemica della riuscita in cucina.Io ci sto facendo caso da un pò (suscitando ilarità) ma ne sono fermamente convinta!
    Il riso al latte per me è la coccola per eccellenza,mi fa lo stesso effetto di un abbraccio!
    E il quattro quarti al limone e cardamomo è nella lista delle torte da provare,sperando che non svenga anche a me nella teglia!
    felice di conoscerti
    Monica (l'Emporio 21)

    Rispondi
  15. Miss Becky
    9 marzo 2013 at 19:48 (5 anni ago)

    Grazie di essere passata Elisa. Bello condividere le esperienze dei nostri pargoli pazienti e curiosi.
    Bacetti

    Rispondi
  16. Miss Becky
    9 marzo 2013 at 19:48 (5 anni ago)

    Bacettino stella dolce…grazie per questa giornata stupenda…quieta e gioiosa.

    Rispondi
  17. Miss Becky
    9 marzo 2013 at 19:50 (5 anni ago)

    Grazie Emanuela. Sarò lieta di ospitarti qui nel Cottage.
    Un bacio

    Rispondi
  18. Miss Becky
    9 marzo 2013 at 20:01 (5 anni ago)

    Che bello Monica, mi sento meno sola e meno sciocca. Costituiremo la sorellanza de 'La Maledizione della Luna Rossa'. Scherzi a parte, noi donnine abbiamo un dono meraviglioso. Siamo portatrici e datrici di vita, dono legato indissolubilmente al ciclo che tanto ci fa disperare in cucina certe volte. 😉
    Piacere di conoscerti…verrò presto a trovarti.

    Rispondi
  19. marina riccitelli
    10 marzo 2013 at 7:51 (5 anni ago)

    ciao!!! che bello questo pudding!!! e che bello questo blog!! tutti e due coccolosi!! Eccomi tra i tui lettori!!! un bacio e buona domenica! Marina

    Rispondi
  20. Miss Becky
    10 marzo 2013 at 15:16 (5 anni ago)

    Ciau Marina, è un piacere ospitarti tra gli amici del Cottage. Grazie per i complimenti che mi rendono davvero felice!
    UN BACIO

    Rispondi
  21. Francesca P.
    11 marzo 2013 at 17:12 (5 anni ago)

    Celeste e lilla, i miei colori preferiti! 🙂

    Rispondi
  22. Dolcemeringa Ombretta
    11 marzo 2013 at 18:08 (5 anni ago)

    Inizio dalla fine … Adoro quella foto con le manine più belle che abbia mai visto:)
    Quando le torte si sgonfiano penso sempre che sentano il nostro umore… Lo so e' sciocco!!!
    Però ti son servite per creare una delizia coccolosa 🙂
    Un bacione

    Rispondi
  23. Miss Becky
    11 marzo 2013 at 23:12 (5 anni ago)

    Quelle manine sono balsamo per il mio cuoricino…Ahimè, è proprio vero, sentono il nostro umore eccome.
    Un bacio dolce Ombretta.

    Rispondi
  24. Massimiliano Fattorini
    13 marzo 2013 at 9:56 (5 anni ago)

    buonissimi e bellissimi!!!!! li preparo con la mia piccola principessa nei prossimi giorni!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *