Petit four con crema al formaggio e marmellata speziata di fragole

La sponge cake, come forse vi avevo accennato un pò di tempo fa, è la mia base per torte preferita. Non ha bisogno della bagna perchè è già morbida di suo e si presta benissimo ad accogliere qualunque crema o ganache voi decidiate di utilizzare.
E quando la ‘natura’ fa scherzi e non lievita, non è una cosa da buttar via, perchè si lascia inventare e reinventare in mille altri modi.
Questa che vi propongo oggi nasce da un fallimento di sabato, quando intenta a preparare qualche tegliata di sponge cake per la torta di compleanno del mio babbo, una di queste tegliate ha deciso di fare il souflè e cedere al centro negli ultimi minuti di cottura.
Ma mica l’ho buttata, perchè per la colazione è un trionfo. E ancora di più per dei piccoli graziosi petit fours farciti con crema di philadelphia e marmellatina speziata homemade come quelli che vi propongo. La marmellata l’avevo fatta qualche giorno fa ed è stata un successo e per tale motivo mi azzardo e la propongo per il contest di Ca’ Versa.

Per la Sponge Cake:
  • 200g di farina 00
  • 200g di zucchero
  • 200g di burro
  • 4 uova
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • la scorza grattuggiata di un limone bio
  • 1 pizzico di sale

Per la crema al formaggio:

  • 250g di philadelphia classico (quello in cubetti)
  • 100g di panna fresca
  • 10 cucchiai di mielbio di acacia Rigoni di Asiago

Per la confettura extra speziata di fragole: (usate la ricetta che ho postat pochi giorni fa)

  • 500g di fragole candonga
  • 250g di zucchero
  • mezzo cucchiaino scarso di nigella e fieno greco
  • 4 bacelli di cardamomo
  • i semi di un frutto di anice stellato
  • mezza stecca di cannella
  • mezzo cucchiaino scarso di zenzero fresco grattuggiato
  • la scroza grattuggiata di mezzo limone bio

Per la sponge cake: Separate i tuorli dagli albumi. Lavorate lo zucchero con il burro finchè non avrete ottenuto un impasto spumoso e chiaro e aggiungete un tuorlo alla volta. Incorporate la farina poco alla volta, aggiungete la scorza grattuggiata del limone, il lievito e il pizzico di sale. Montate a neve gli albumi e incorporate al resto dell’impasto cercando di far inglobare più aria possibile. Mettete in una teglia rettangolare del tipo 50×35.
Nel forno preriscaldato a 170°C lasciate cuocere per circa 35min.
Per la crema: Lavorate con la frusta il formaggio e il miele. Montate la panna fresca ed incorporatela piano piano al formaggio.
Per la confettura: Lavate e mondate le fragole, tagliatele a spicchi e mettetele in una casseruola a sponde alte insieme allo zucchero, coprite e lasciate cuocere per circa 35min a fuoco basso.

In un tegame tostate la nigella, il fieno greco e l’anice facendo attenzione a non bruciarli. Lasciate raffredare e riducete in polvere in un mortaio.

Aggiungete il tutto alla confettura, unendo anche la stecca di cannella, lo zenzero e la scorza di limone. Lasciate cuocere ancora per circa 15 min finchè non avrà raggiunto la consistenza che preferite.

Quando la sponge cake sarà fredda, tagliatela a cubotti e farcitela con la crema di formaggio e la confettura speziata di fragole.

Note: la sponge cake per essere perfetta nel momento in cui la servite deve rimanere fuori dal frigo per almeno un paio d’ore.

Con questo dolce partecipo al contest di Ca’ Versa.

(Visited 120 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

21 Comments on Petit four con crema al formaggio e marmellata speziata di fragole

  1. Casale Versa
    22 maggio 2013 at 8:52 (5 anni ago)

    Tesoro grazie mille! la inserisco subito! sei Strabrava! serena giornata a te!

    Rispondi
  2. Miss Becky
    22 maggio 2013 at 9:02 (5 anni ago)

    Oh, grazie…sul brava ho qualche riserva 😀 diciamo che sono una brava pasticciona 😀
    Un bacio grande

    Rispondi
  3. Adolfo
    22 maggio 2013 at 9:13 (5 anni ago)

    Da quando arriva in bocca è un susseguirsi di sapori e retrogusti e sensazioni … sorprendente!

    Rispondi
  4. monica pennacchietti
    22 maggio 2013 at 10:39 (5 anni ago)

    Io l'ho scoperta da poco la sponge cake ed è nato un grande amore!!Hai ragione la puoi reinventare anche se fallita,è una valida alleata!.Mi piace molto la ricetta e mi sono segnata anche la marmellata perchè mi ha incuriosito tantissimo!
    p.s.-mi piace da pazzi quel cucchiaino tutto fiorellini!!!^_^
    A presto
    Monica

    Rispondi
  5. SELENDIR
    22 maggio 2013 at 11:27 (5 anni ago)

    E no!!!! ma perchè mi fai questo? Ho perso circa 4 kg , con una fatica enorme, facendo la fame tanto che guardando Rocky e Nerone vedevo salcicce e salami… e tu…mi metti queste robine da urlo? Divina, assolutamente divina. Foto e torta…anche fallimentare.

    Rispondi
  6. Anonimo
    22 maggio 2013 at 11:47 (5 anni ago)

    Mai provata la philadelphia con i dolci… O.o davvero ci sta? :)) a tutta prova i formaggi legano molto bene col miele, quindi col dolce! poi tu sei maestra di contrasti, perchè li fai baciare in maniera unica!
    Danina

    Rispondi
  7. Miss Becky
    22 maggio 2013 at 14:56 (5 anni ago)

    La voce dell'assaggiatore 😀 Grazie tesoro mio…non finirò mai di dirti quanto ti sono grata per aver la pazienza che hai…tu e la nostra piccola assaggiatrice. 😀
    Un bacio

    Rispondi
  8. Miss Becky
    22 maggio 2013 at 15:01 (5 anni ago)

    E' la torta mille usi per me 😀
    La confettura a me piace. E' speziata, ma troppo…diciamo che è il giusto per esaltare le fragole 🙂
    Il cucchiaino è il regalo che mi ha fatto la mia collega di lavoro insieme ad un altro a quadrettini Vichy 😉
    Bacetti

    Rispondi
  9. Miss Becky
    22 maggio 2013 at 15:02 (5 anni ago)

    Anch'io sono dimagrita Seluccia…e anche io 4 kg, ma uno l'ho già ripreso, colpa dei troppi sgarri. 🙁
    Bacino

    Rispondi
  10. Miss Becky
    22 maggio 2013 at 15:14 (5 anni ago)

    Philadelphia è il formaggio più utilizzato per le cheesecake americane, come la famosa New York cheesecake…ancora prima che lo rendesse famoso la Peronaci. 🙂
    Zuccherata ci sta divinamene anche la Robiola (io essendo fuori regione prendo sempre la Osella). O se no potete usare la ricotta 😉
    Bacetti

    Rispondi
  11. Simo
    22 maggio 2013 at 15:24 (5 anni ago)

    è vero, la trovo una base davvero molto versatile e golosa…quello che ne hai ricavato è semplicemente da urlo!

    Rispondi
  12. Francesca P.
    22 maggio 2013 at 15:26 (5 anni ago)

    Il ripieno che esce fuori mi piace tantissimo! 🙂

    Rispondi
  13. Giovanna Bianco
    22 maggio 2013 at 17:08 (5 anni ago)

    Devo assolutamente provare la sponge cake, mi hai convinto e mi piace ancora di pi ù la tua crema di formaggio!!! Che dire da un fallimento hai creato una golosità unica. Complimenti!!!

    Rispondi
  14. marina riccitelli
    23 maggio 2013 at 8:47 (5 anni ago)

    che belli che sono!!! molto molto golosi!!! Devo fare la torta per il compleanno di mia figlia e sapere che la sponge non ha bisogno di bagna mi interessa parecchio! Generalmente le mie torte non si bagnano a dovere, mai uniformemente, o troppo o troppo poco!! un bacio e grazie per la dritta

    Rispondi
  15. Lory B.
    23 maggio 2013 at 14:29 (5 anni ago)

    Sono golosissima!!! …meravigliosa visione, quanto sei brava e fantasiosa!!!
    Un abbraccio, a presto!!!

    Rispondi
  16. Günther
    23 maggio 2013 at 14:54 (5 anni ago)

    un petit four golosissimo, trasformato in un dolce motlo gradevole e raffinato

    Ps, grazie del commento sul divezzamento è stato graditissimo

    Rispondi
  17. i dolci di laura
    24 maggio 2013 at 0:09 (5 anni ago)

    e per fortuna che non è lievitata bene, così hai creato questa meraviglia!

    Rispondi
  18. cucinaincontroluce
    28 maggio 2013 at 9:00 (5 anni ago)

    E' splendida!!! Gironzolo spesso tra le tue ricette e le foto sono sempre meravigliose, ma questa bella merenda, nella sua raffinata semplicità, mi ha colpito particolarmente….amo i dolcetti farciti con la confettura, profumano di infanzia!
    Ciao, Tatiana

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *