Apricot & Vanilla Blondies e febbre da Parigi

apricot vanilla blondies photo Rebeca Sendroiu

Ci sono desideri per i quali la spia rossa non si spegne mai. Parigi! Ecco il mio desiderio costante che mai si spegne. Che poi dico io, che avrà mai di tanto speciale da farne una malattia?!!! Tutto, temo.

Come esiste il mal d’Africa, che personalmente non ho ancora visto, esiste anche il mal di Parigi.
Così l’altro giorno, mentre sceglievo le albicocche alla Coop, immaginavo di essere al Marché de rue Mouffetard a scegliere la frutta e la verdura migliore, magari gomito a gomito con qualche chef sceso al mercato a rifornirsi di delizie fresche per il menù del giorno.
Il sole dolce, non troppo caldo, i caffè con quei graziosi tavolini, il profumo inebriante delle brioches, il ronzio chiassoso dei parigini, quei balconcini grondanti fiori che sporgono lungo la strada lastricata di sampietrini, la vetrina di Jeff de Bruges al 112-114, ogni cosa…Tutto di Parigi mi sembrerà davvero sempre perfetto, perfino il fare così altezzoso dei suoi abitanti.
E che c’entra questa sciropposa blondie cake con Parigi? Poco e niente, se non che entrambe sono ispirazione. Ieri mentre mescolavo, impastavo ed infornavo con quel cocente caldo pensavo a quanto Parigi servirebbe alla mia Musa. Perchè sì, questa città riesce ad essere Ispirazione. Come ispirazione è ogni cucchiaio di confettura di albicocche alla vaniglia…sarà per questo che ripropongo questo abbinamento.
Vi assicuro che in quanto a soffice morbidezza è quasi imbattibile….

Perchè di Ispirazione, ora davvero ho bisogno come non mai. Due settimane fa ho preso il coraggio con le mani e dopo mesi sofferti nei quali mi sono torturata per comprendere quale fosse la scelta migliore, se lasciare o no il lavoro, alla fine ho deciso.
So che non ho scelto il momento migliore, ma per certe cose forse non c’è mai un momento giusto: semplicemente si fa. Ed ora, nell’incertezza del futuro, mi dedico a Viv, a me stessa e a questa piccola passione che è il cibo e la fotografia, certa che un portone si aprirà!

Ma come canta il grandioso Aznavour (Aznavoice):
You are the one for me, for me, for me, formidable
You are my love very, very, very, véritable
Et je voudrais pouvoir un jour enfin te le dire
Te l’ écrire
Dans la langue de Shakespeare
My daisy, daisy, daisy, désirable
Je suis malheureux d’ avoir si peu de mots
À t’offrir en cadeaux
Darling I love you, love you, darling I want you
Et puis c’ est à peu près tout
You are the one for me, for me, for me, formidable
Per la formidabile me, per la formidabile figlia che ho…per il formidabile marito rompiscatole senza il quale non saprei stare.

apricot vanilla blondies photo Rebeca Sendroiuapricot vanilla blondies photo Rebeca Sendroiu

Ingredienti:

  • 250g di burro
  • 200g di zucchero
  • 200g di farina
  • 4 uova
  • 10 cucchiai di latte
  • 1 bacello di vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 400g di albicocche Orange rubis
  • 5 cucchiai di zucchero di canna grezzo
Preparazione:
Lavate, asciugate e tagliate a fette le albicocche e mettetele in una ciotola coprendole con 5 cucchiai di zucchero di canna. Tagliate a metà nel senso della lunghezza il baccello di vaniglia e prelevare una parte dei semini con la punta di un coltello (l’altra parte la dovrete incorporare all’impasto della blondie). Aggiungerli alle albicocche tagliate e mescolare. Lasciate riposare per 20minuti.
Lavorate il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e soffice. Aggiungere 1 tuorlo alla volta e continuare a lavorare il composto. Aggiungete il resto dei semi della vaniglia e il latte tiepido. Incorporare la farina e il lievito setacciati. Montate a neve gli albumi e incorporateli al resto del composto.
Versare il composto in una teglia rettangolare imburrata ed infarinata. Disponete le albicocche in maniera uniforme insieme al succo che hanno lasciato.
Fate cuocere nel forno preriscaldato a 170° per circa 35/40min.
Potete servire con del gelato fiordilatte.
apricot vanilla blondies photo Rebeca Sendroiu
Ed ecco le monelle del Cottage: Viv e gentil mammina.

Viviane and Becky  © Rebeca Sendroiu

(Visited 69 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

16 Comments on Apricot & Vanilla Blondies e febbre da Parigi

  1. Ale
    19 giugno 2013 at 14:17 (4 anni ago)

    favolosi i tuoi blondies! sempre bravissima tu, eh???

    Rispondi
  2. Valentina Minibonbons
    19 giugno 2013 at 15:44 (4 anni ago)

    io ci credo che esiste anche il mal di parigi.. e come potrebbe non esserci?? buonissima questa blondies!!

    Rispondi
  3. SELENDIR
    20 giugno 2013 at 9:26 (4 anni ago)

    Non saprei se scegliere di mangiare la tortina o la bambina???? neanche la mamma è malaccio ma…data l'età sarà un pò duretta 🙂 🙂 🙂 Che spettacolo che siete! E brava per il grande coraggio che hai avuto, te l'ho già detto ma lo ribadisco qui: sei una Donna con la “D” maiuscola e puoi essere di esempio a tante e non solo culinariamente parlando. Un abbraccio dal cuore dalla tua mamita Sele.
    P.S. Scusa, non vorrei rompere ma mi diresti qualcosa in merito alla mia richiesta sulla sterilizzazione dei vasetti? Grazie tesorilla, so che non hai neanche visto la domanda, tranqui paciughina

    Rispondi
  4. Margot
    20 giugno 2013 at 10:28 (4 anni ago)

    Ciao miss Becky, piacere di fare la tua conoscenza. Ho letto il tuo post e subito mi sono riconosciuta nella parte in cui parli del lavoro. Anche io sto attraversando un momento simile, anche se ancora di decisioni non ne ho prese. Ma ti capisco, credimi. Spero ci terremo in contatto, se vuoi ti aspetto da me.

    Rispondi
  5. Danja | Un pinguino in cucina
    20 giugno 2013 at 10:40 (4 anni ago)

    ma che belle!!!! 😀
    dolce meraviglioso…Parigi? come ti capiscoooooo!!! apposta avevo scelto un'azienda con sede a Parigi 😉 peccato che ormai abbiano preso piede entato le riunioni via web!

    Rispondi
  6. Anonimo
    21 giugno 2013 at 0:09 (4 anni ago)

    “So che non ho scelto il momento migliore, ma per certe cose forse non c'è mai un momento giusto: semplicemente si fa.”
    Quanto mi ritrovo in queste tue parole… anch'io ho preso una decisione, e fin dove mi porterà aprirò la porta che fa per me 🙂 E' anche incredibile come certe cose siano sempre in sintonia con altri cambiamenti…
    Ti chiamerò Rebbina, la cosa riguarda Roby…

    Comunque non amo particolarmente le albicocche… è la marmellata che evito sempre 😀 chissà però che effetto fanno nei tuoi blondies!! mumble…!

    Danina

    Rispondi
  7. marina riccitelli
    22 giugno 2013 at 7:44 (4 anni ago)

    Ma quanto coraggio! va premiato senz'altro! te lo auguro, se potessi te lo aprirei io il portone, non posso, però lo penso intensamente: apriti apriti apriti!!!! Il mal di parigi ce l'ho anch'io da sempre, mi basta un odore, un profumo, un colore e mi immagino lì, in quella via, in quell'angolo, davanti a quella vetrina. E solo questo mi mette di buon umore, come il tuo dolce, soffice e delicato e come la tua foto: siete bellissime!!! un bacione cara, in bocca al lupo!

    Rispondi
  8. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 10:41 (4 anni ago)

    Grazie Vale 🙂 Esiste sì…io ne soffro 😀

    Rispondi
  9. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 10:44 (4 anni ago)

    Ti ho risposto in Contea stellina 🙂
    Per il coraggio, insomma…è il coraggio degli incoscienti speranzosi che ancora sognano e credono in un futuro degno di essere atteso e vissuto.
    Bacettini mamitina Sele

    Rispondi
  10. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 10:48 (4 anni ago)

    Ci vuole tempo perchè maturino certe decisioni Margot. Per me tutto era iniziato a luglio dello scorso anno, una situazione in declino che è peggiorata fino al punto da farmi decidere.
    In definitiva, non ci ho perso molto e ti spiego perchè: non mi pagavano, si sono accumulati un sacco di stipendi al che ho pensato che per tanto così, potevo stare a casa con la mia piccola e cercare soluzioni alternative. L'alternativa ora come ora non c'è, ma non perdo la fiducia.
    Bacino

    Rispondi
  11. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 10:50 (4 anni ago)

    Grazie Danja. 🙂 Hai visto che gioiellino di cucciola che ho?!
    Amo profondamente Parigi…chissà, forse in una vita passata ci ho vissuto 😀 E qualche volta mi fa prurito l'idea di scappare via da qui e andare a viverci.

    Rispondi
  12. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 10:57 (4 anni ago)

    Poi ne parliamo per telefono amora. La marmellata di albicocche comprata difficilmente mi piace. Ci sono poche marche me gustano…Ma tu prova amora a fare questa della mia ricettina e credimi, non te ne pentirai.
    Bacino

    Rispondi
  13. Miss Becky
    22 giugno 2013 at 11:04 (4 anni ago)

    Grazie Marina…coraggio ed incoscienza, con aggiunta di speranza e desideri. Frullato per bene e servito con una nuvola di sogni.
    Ti ringrazio per questo pensiero positivo.
    Parigi è nei sogni di molti…proprio ieri si parlava di turismo e risulta nella classifica la prima città in assoluto più visitata al mondo. C'è un motivo, nulla togliendo alla nostra bellissima Roma, o ad altre meravigliose città italiane.

    Rispondi
  14. Francesca P.
    2 luglio 2013 at 15:59 (4 anni ago)

    Ma come è possibile che non abbia commentato qui, proprio qui?
    La vostra foto mi ha messo tantissima allegria, siete bellissime dolcissime e “patatosissime”, da riempire di coccole!

    Rispondi
  15. Gabila Gerardi
    4 agosto 2013 at 22:35 (4 anni ago)

    Ma che foto fantastica sui titoli di coda!!!!! Ogni scelta e' sempre motivata…spinta da sentimenti e forse proprio per questo non sempre razionale ma certamente fatta col cuore!!!! Complimenti per tutto, la ricetta, la tua bimba, il marito rompiscatole e per il portone che mi sembra già aperto…con questa famiglia altro che portone!!!!!!
    Con affetto.
    Gabila

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *