The Ultimate Whoopie pies

 

Ci fu l’era del cupcake, poi venne quella del macaron, poi vennero entrambi soppiantati dall’unione del primo con il secondo: gli whoopie. E si sa, noi ingordi blogger che spesso ci facciamo prendere dalle manie e dalle mode, queste ere le abbiamo passate tutte. Fatto salvo per quelli, come me, che il blog di cucina lo hanno aperto tardi e devono ora recuperare tutte le ere e le mode. Era il 2010, l’anno dei cupcakes mentre io combattevo con cene celtiche e medievali. Poi fu il turno del 2011, l’anno che decretò il successo dei macaron, ma ero impegnata con una gravidanza bellissima e la nascita della mia piccola. Poi nel 2012 arrivò il turno degli whoopie, mentre io prendevo confidenza con il blog e il lato culinario che lo riguarda, quindi, pur arrivando in ritardo di un anno…ve lo propongo.

Il record di permanenza sulle pagine dei food blog lo detiene con ogni probabilità ancora il cupcake. Ma io sto Whoopie!!! lo inseguo da quando ho aperto il blog. E volete che non lo provi? Ogni settimana una qualche sua ricetta sui foodblog oltre oceano mi salta sott’occhio. Ma vuoi la sua incomprensibile consistenza, vuoi quella crema al burro che ha per farcia, vuoi la pigrizia di stare a convertire le ‘cup and oz’ americane, ho sempre rimandato l’incontro in cucina con questo parente, giusto per la forma, del macaron.

Così un paio di settimane fa sono partita dalla storia di questo dolcetto super ed ho appreso nel peregrinar di sito in sito, che Maine e Pennsylvania ne contendono la paternità.

Chiamato anche black moon oppure big fat oreo, di questo simpatico dolcetto si dice che sia nato grazie alle massaie Amish che tradizionalmente lo mettevano nei lunch boxes di figli e mariti, i quali presi da entusiasmo esclamavano Whoopieee!!!

La ricetta originale di queste piccole tortine accoppiate prevede un impasto cioccolatoso ed una farcitura con crema di burro e decorazioni a piacere.
Ne sono derivate una miriade di whoopie, sia dolci che salati.
Ma tra i molti, quali scegliere?! Credo di averne provati svariati, prima di arrivare a quello che davvero, più di qualunque altro, ha soddisfatto il mio palato e fatto esclamare a mio marito, assagiatore di tutto il porcame che esce dalla cucina: The Ultimate Whoopie (porcate)!!! 😀
La ricetta l’ho presa dalla cara Jill, modificata un pò a piacere e…sfornata per voi.
E senza indugiar in altre chiacchiere, ecco questa delizia alla crema di formaggio che vi farà sciogliere di goduria.

Ingredienti:
Per le whoppie
  • 150g burro
  • 120g di zucchero di canna grezzo
  • 1 uovo intero
  • 250g di farina per dolci lievitante
  • 70g di cacao amaro Valrhona
  • 280ml di latticello (se trovate quello della Sterzing Vipiteno o quello della Mila)

Per il ripieno

  • 250g di ricotta fresca Santa Lucia Galbani
  • 250g di mascarpone Santa Lucia Galbani
  • 70g di zucchero

 

In una ciotola lavorare con le fruste il burro con lo zucchero. Aggiungete l’uovo e il latticello. Incorporate poco per volta il cacao setacciato e la farina.
Con un cucchiaio porzionatore per gelato prelevate quantità uguali di impasto e metteteli su una teglia da forno foderata con cartaforno. Lasciateli un pò distanziate perchè si espanderanno un pochino.
Mettete nel forno preriscaldato a 175° e lasciate cuocere per circa 10min. Lasciate raffreddare e farcite con la crema di formaggio che avrete preparato in questo modo: con le fruste lavorate il mascarpone e lo zucchero fino a rendere il tutto molto spumoso e soffice. Incorporate la ricotta e lavorate fino ad avere un composto piuttosto liscio.

Conservare le whoopie nel frigo, le renderà ancora più appetitose.

Note: Io per errore, ho scoperto come può diventare uno splendido gelato-biscotto per i cuccioli con una farcia diversa da quella al formaggio.

 

(Visited 92 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

14 Comments on The Ultimate Whoopie pies

  1. SELENDIR
    6 giugno 2013 at 10:19 (4 anni ago)

    No…ma davvero…stai raggiungendo vette inarrivabili, mia dolce cuocherella. Stratosferisca! Ma la consistenza delle cialdine è morbidosa (tipo merendine per capirci)o sbriciolevole (tipo meringa) o sfarinosa (tipo amaretto morbido) oppure proprio tipo biscotto ????? E' solo una curiosità, ovviamente, comunque vada sarà un successo 🙂

    Rispondi
  2. Simona
    6 giugno 2013 at 11:20 (4 anni ago)

    fantastici…ho giusto preso da poco un librino meraviglioso tutto di whoopies!
    proverò…..

    Rispondi
  3. Ale
    6 giugno 2013 at 13:13 (4 anni ago)

    adoro i whoopie pies e i cupcakes sono ancora molto trendy, credo…bravissima come al solito, chissà che bontà!

    Rispondi
  4. Miss Becky
    6 giugno 2013 at 14:47 (4 anni ago)

    Sono delle piccole pie a tutti gli effetti. La consistenza morbida, pucciosa e umida che può avere la mia Sponge Cake (quella che vi ho fatto mangiare lo scorso Yule, quella con la ganache al cioccolato e cardamomo per intenderci).
    Ma al di là di quello Sele, sono facilissime da fare, davvero. Lavorazione minima, cottura ultaveloce. Ma vanno giù con altrettanta facilità. 😀

    Rispondi
  5. Francesca P.
    6 giugno 2013 at 20:02 (4 anni ago)

    Mai provati, ma nelle mie tappe in libreria ammetto di sfogliare vari volumi su di loro, mi incuriosiscono, così tondi e gonfi… 🙂
    Sarebbe bello vedere te mentre li prepari, assorbire segreti dalle tue mani…

    Rispondi
  6. Silvia M
    8 giugno 2013 at 17:15 (4 anni ago)

    Ciao Becky, eccomi qui a ricambiare la tua gentile visita! Sai che di questo mix tra cupcake e macaron non ne conoscevo l'esistenza? Sarò un po' demodée?
    Sembrano deliziosi…
    Che bello il tuo blog e le tue foto, mi sono immediatamente unita così posso seguirti!
    Baci!

    Rispondi
  7. Anonimo
    21 giugno 2013 at 0:53 (4 anni ago)

    Ma non eri “più salata che dolce”?? qui vedo solo calorie 😀 nooooooooo… e come si fa?! con tutte quelle fotine tue e della tua creatura… un'immensa dolcezza *.*
    Danina

    A volte le descrizioni dei tuoi piatti mi causano grasse risate di piacere!! :*

    Rispondi
  8. Miss Becky
    21 giugno 2013 at 9:53 (4 anni ago)

    Lo sono Ale, non esitare a prendere la ricetta! 😉

    Rispondi
  9. Miss Becky
    21 giugno 2013 at 9:56 (4 anni ago)

    E' bello guardare gli altri preparare il cibo, osservare i movimenti, cercare di carpire quella magia che le mani, di ognuno di noi, possiedono.
    Bacini immensi

    Rispondi
  10. Miss Becky
    21 giugno 2013 at 9:56 (4 anni ago)

    Non sei affatto demodèe 😉
    Bacino

    Rispondi
  11. Miss Becky
    21 giugno 2013 at 9:57 (4 anni ago)

    La sono ancora stellina, ma l'estetica del blog pare prediligere il dolce 😀
    Bacino

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *