Di dolci escargots, di pariginità e di Moș Nicolae

escargot aux raisins photo Rebeca Sendroiu

 
Moș Nicolae, ovvero Babbo Nicola, è un grazioso e cicciotello anziano signore che la notte tra il 5 e il 6 Dicembre, a cavallo del suo bianco destriero va di casetta in casetta ed osserva attraverso le finestre il lieto sonno dei bambini. Ai più bravi lascia tanti dolcetti negli stivaletti, ai più monelli lascia una verga.

I bambini rumeni, come quelli del Belgio, Olanda, Danimarca, Germania, lo riconoscono dal suo cappello e dalla mitra lunga e rossa e dalla lunghissima barba bianca, proprio come la neve.
Al Cottage, oggi scriveremo la letterina per Babbo Natale, lustreremo le scarpine per Babbo Nicola e le metteremo fuori dalla finestra e per non farci mancare nulla impasteremo qualche biscottino speziato.
Sì, sì, qui abbiamo deciso di adottare anche le feste dell’altra metà d’Europa. Avremo così al Cottage Babbo Nicola, Santa Lucia, Babbo Natale, Santo Stefano e la Befana…e giusto perchè a noi le feste natalizie piaciono proprio tanto, abbiamo adottato la più antica festa del Solstizio: Yule. Sì, è vero, noi famiglia di rumeni/pugliesi/piacentini siamo proprio dei lazzaroni festaioli.
Mancherà molto la neve, perchè io me lo ricordo ancora quando mettevo i miei stivaletti bei lucidati fuori dalla finestra, sul davanzale colmo di neve.
escargot aux raisins photo Rebeca SendroiuMa veniamo alla ricetta di oggi. Ci sono dei sapori, delle ricette, che senza il loro segreto sono impossibili da replicare. Con animosità lotto da anni per cercare di replicare le escargot aux raisins di Paul che ho mangiato a Parigi e che mangio tutte le volte che capito da quelle parti. Per quanto siano buone quelle che faccio, ahimè, sono lontana dal risultato che devo ottenere. Per carpire il segreto, dovrei probabilmente andare a lavorare nella fabbrica di Paul, ad impastare qualche buon quintale di pasta per escargots.
Quelli impastati due giorni fa, cotti ieri e distribuiti oggi, sono buoni ma è una pariginità contaminata la loro. Io sento molto il sapore del cozonac (panetone rumeno) che faceva la mia dolce nonnina. Intendiamoci, buone sono buone, ma non sono le lumachine di Paul e per me questa cosa sta diventando una di quelle ossessioni fuori dal comune.
Alle care amiche in ascolto/lettura ed anche agli amici, io chiedo la generosità di condividere la ricetta, qualora ne siate venuti in possesso grazie a qualche folletto che ha osservato con attenzione e scritto con meticolosità la ricetta di Monsieur Charlemagne Mayot, fondatore della Maison Paul.
In attesa di una ‘sorpresa’…vi lascio questa ricettina che non è da disdegnare, migliore di quella che avevo già proposto al Cottage un anno fa circa.
escargot aux raisins photo Rebeca Sendroiu

Ingredienti per l’impasto:

  • 250g di farina 00
  • 100g di farina manitoba
  • 3 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 50g di zucchero
  • 1 bustina di zucchero vanigliato
  • la buccia grattuggiata di un limone
  • 130g di burro ammorbidito
  • 50ml di latte tiepido
  • 6g di lievito di birra fresco

Incredienti per la crema pasticcera:

  • 1 tuorli
  • 37g di zucchero
  • 6g di maizena
  • 125ml di latte intero
  • 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la guarnizione:

  • 120g di uvetta sultanina per decorare
  • 1/2 bicchiere di rhum per ammorbidire l’uvett
  • 1 tuorlo
  • 2 cucchiai di latte
  • 1 cucchiaio di zucchero

 Preparazione:

Sciogliere il lievito nel latte tiepido con un cucchiaino di zucchero. Mettere tutti gli ingredienti secchi nella macchina per impastare. Aggiungere un uovo alla volta e il latte con il lievito. Per ultimo aggiungere il burro ammorbidito. Fate lavorare la macchina impastatrice per circa 15-20min, in alternativa impastate a mano, come me.
Mettete l’impasto in una ciotola capiente e coprite con la pellicola. Lasciate lievitare in un luogo tiepido per circa 12/14 ore. L’ideale è impastarlo la sera e lasciarlo tutta la notte.
 
Il giorno seguente preparate la  crema pasticcerca lavorando i tuorli con lo zucchero e la maizena. Aggiungete il latte e mettete tutto sul fuoco. Mescolando sempre fate addensare fin quasi a bollore.
Coprite con un coperchio e lasciate intiepidire e nel frattempo mettete in ammollo l’uvetta nel rhum.
Quando la crema pasticcera sarà tiepida, aggiungetevi l’uvetta ben strizzata dal rhum.
Stendete l’impasto su una spianatoia ben infarinata dando una forma rettangolare. Spalmate uniformemente la crema pasticcera e arrotolate. Tagliate a fette, spesse due dita, come se fosse un salame. Disponete le chiocciole ottenute su una placca da forno rivestita con carta forno ben distanziate. Nel forno preriscaldato a 35° mettete le chioccoline a lievitare per circa un’ora e mezza.
Preriscaldate il forno a 170°C e mettete le lumache a cuocere per circa 35min.
A circa 10min dalla fine della cottura spalmate le chioccioline con un emulsione di tuorlo, latte e zucchero.
(Visited 80 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

22 Comments on Di dolci escargots, di pariginità e di Moș Nicolae

  1. SELENDIR
    6 dicembre 2013 at 10:10 (4 anni ago)

    Non commento neanche più…..vorrei solo unirmi a tutti i festeggiamenti…anche senza regali, mi bastano i tuoi piatti. Abbracci ventosi, mia cara, a prestissimo.

    Rispondi
  2. cucinaincontroluce
    6 dicembre 2013 at 11:44 (4 anni ago)

    Nella mia città si festeggia solo San Nicolò, papà di tutti i bambini, perchè c'è una fortissima tradizione ortodossa da sempre e anche il mio bimbo ha scritto la letterina: stanotte il nostro omino magico gli ha lasciato i regali (compreso un 4 in geometria a tradimento…) e lo gnometto è felicissimo!
    Questi dolcini sono superlativi, nelle nostre pasticcerie si trovano tutti i giorni, ma a base di ricotta (al posto della crema pasticcera): non li ho mai saputi fare, ma ora grazie a te ci posso provare!
    Ciao, Tatiana

    Rispondi
  3. Miss Becky
    6 dicembre 2013 at 11:58 (4 anni ago)

    Presto, presto Sele…ci ingozzeremo come maiali all'ingrasso 😀 Lauretta credo non verrà, ma il resto è confermato e siamo in 17 😀

    Rispondi
  4. Miss Becky
    6 dicembre 2013 at 12:01 (4 anni ago)

    Che bello Tati. Anche qui è passato il magico vecchietto e ha lasciato qualche dolcetto 😀
    Questi, cosi come venuti a me, sono semplici da fare. Fa tutto la lievitazione. Ma io devo trovare il modo di fare quelli di Paul, non mi darò pace finchè non trovo la ricetta 😀

    Rispondi
  5. Vaty ♪
    6 dicembre 2013 at 12:04 (4 anni ago)

    tesoro, ne so qualcosa perchè ho vissuto un pò in germania da piccola.
    che clima particolare che si respira qui.
    Becky, ma hai già pubblicato le fotine di parigi? perchè io non attendo altro eh.. 🙂

    Rispondi
  6. Miss Becky
    6 dicembre 2013 at 13:17 (4 anni ago)

    Si, è molto diffusa nel resto dell'Europa come festa 😉 Uhh, le foto di Parigi nu, non ancora 😉

    Rispondi
  7. Francesca P.
    9 dicembre 2013 at 1:18 (4 anni ago)

    Il tuo Natale “allargato” mi piace molto… 🙂 Dicembre è il mese delle fatine dei boschi speciali come te… ti vedo zampettare nelle neve, con un sorriso che richiama anche scoiattoli dalla coda ciuffosa e gnomi… tutti vogliono i tuoi dolci…

    Rispondi
  8. Vica
    9 dicembre 2013 at 13:15 (4 anni ago)

    Da me queste non ci sono, ma conoscevo la loro esistenza, sono particolari e tu hai avuto la pazienza di farle meravigliosamente bene ♥ Grazie per queste ricette che a noi, quelli del est, riempie l'anima di ricordi… che bello… !!!
    p.s.: belli questi fiocchi che scendono ♥

    Rispondi
  9. Morena
    10 dicembre 2013 at 12:22 (4 anni ago)

    Sono finita qui da te per caso e dico CAVOLO ma perchè non ti ho conosciuta prima??? Il clima qui da te è splendido, c'è il calore famigliare che ti accoglie e le te ricette sono condite da foto MERAVIGLIOSE!!! Eh si, ti faccio i miei complimentissimi!!!
    E' bello festeggiare le varie tradizioni, come fai tu e mi spiace tanto non poterti passare la ricetta di Paul… ma sono certa che anche le tue girelle siano buonissime!
    A presto,
    More

    Rispondi
  10. Daniela
    11 dicembre 2013 at 0:36 (4 anni ago)

    Io che sono piacentina, festeggio Santa Lucia 🙂
    Queste girelle sono spettacolari. Sei bravissima.
    Un bacio

    Rispondi
  11. Miss Becky
    11 dicembre 2013 at 0:52 (4 anni ago)

    Spero di averti presto da queste parti mia dolce fatina. 🙂
    In quanto al Natale allargato, credimi, lo adoro moltissimo. 😀 Non potrei più farne a meno.
    Un baciotto grande

    Rispondi
  12. Miss Becky
    11 dicembre 2013 at 0:55 (4 anni ago)

    In Romania le fanno con il formaggio di mucca e zucchero, su al nord, dalle parti della mia nonnina.
    Queste invece pare siano tipiche delle fiandre. Trae origine dal pain flamande che era un vero e proprio pane all'uvetta. Domani riprovo con un'altra variante, con molto burro 😀

    Rispondi
  13. Miss Becky
    11 dicembre 2013 at 0:58 (4 anni ago)

    Grazie di essere passata Morena, sei la benvenuta qui al Cottage.
    Un bacio grande

    Rispondi
  14. Miss Becky
    11 dicembre 2013 at 0:58 (4 anni ago)

    Piacere di conoscerti Daniela. 🙂
    Grazie per i complimenti. 😉

    Rispondi
  15. Stefania Zecca
    11 dicembre 2013 at 15:31 (4 anni ago)

    Le tue chiocciole francesi sono uno spettacolo, spero di riuscire a prepararle quanto prima!
    A presto : )

    Rispondi
  16. Chiarapassion
    11 dicembre 2013 at 21:41 (4 anni ago)

    Che spettacolo le tue girelle e bellissimo il tuo blog sono felicissima di conoscerti io sono Enrica 🙂

    Rispondi
  17. Stef@
    12 dicembre 2013 at 15:40 (4 anni ago)

    Anche noi siam pronti a festeggiare in tutte le lingue!!!sicuramente anche questa ricetta è tutta da fare ed assaggiare! nel frattempo sai che qualche giorno fa ho rifatto quella dei tuoi brownies?L'ho ripostata sul mio blog..grazie buonissima!!!
    baci, Stefy

    Rispondi
  18. Emanuela Martinelli
    13 dicembre 2013 at 13:50 (4 anni ago)

    Io le escargot di Paol non le ho assaggiate ma le tue hanno un aspetto magnifico! Ti seguivo con piacere un pò di tempo fa, poi non so perchè ti avevo perso di vista, adesso ti ho ritrovato e verrò a farti visita spesso! A presto Emanuela

    Rispondi
  19. Mila
    17 dicembre 2013 at 9:49 (4 anni ago)

    Io sono sincera il Natale mi mette malinconia, per cui vorrei entrare in letargo e risvegliarmi allo sbocciare della primavera!!!
    Però di contro mi piacciono le storie che girano intorno a questo periodo, le luci e le bellissime ricette…
    Poi in questo periodo ho scoperto il tuoblog. adesso continuo a cuorisarti un po', perchè come inizio mi sembra davvero mooooolto interessante

    Rispondi
  20. Nina
    26 dicembre 2013 at 13:50 (4 anni ago)

    Ciao cara, che dolci deliziosi! Me ne mangerei subito uno! Così golosi!
    Un abbraccio
    Nina di Fragola e Cannella

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *