Frittata agli agretti con cipollotti freschi e caciocavallo

We may have bad weather in Ireland, but the sun shines in the hearts of the people and that keeps us all warm. -Marianne Williamson-

Traditional irish music 

E proprio quando pensavo di appendere il cappotto, di ritirare i maglioni pesanti e togliermi di dosso qualche strato, un pò come faccio quando spoglio le cipolle, ecco che la primavera subisce un’inversione di marcia inaspettata ed inizia a soffiare un vento gelido che pare quasi voglia denudare del tutto i ciliegi dei loro meravigliosi fiori.
Ed è cosi che oggi sotto una pioggia torrenziale, mentre il vento scombinava le chiome bianco rosate degli alberi, mi sono sentita come una principessa giapponese nel suo curato giardino, sotto una incredibile pioggia di petali.
Ma non basterà il ritorno del freddo, della neve o di altro ancora a farmi passare la voglia di far vivere quella primavera che sento dentro. Perché quando arriva dentro e fuori, io ho il desiderio irrefrenabile di perdermi tra le bancarelle del mercato orto frutticolo e lasciarmi prendere dalla smania di spendere soldini in verdura e frutta. Oserei dire soldi ben spesi! Ogni bancarella è un attentato al mio portafogli. Mi fermo, accarezzo dolcemente le foglie degli spinaci freschi, scompiglio i ciuffi verdi dei ravanelli, soppeso i limoni e afferro compulsivamente un mazzo di agretti.

Gli agretti, questi sconosciuti fino a qualche tempo fa, sono in verità uno di quei prodigi della natura.
Questa simpatica “erbetta” è una delle perfette alleate per la nostra linea. Sono ricche di acqua per cui ci mantengono idratate, hanno proprietà diuretiche per cui stimolano la “plin plin”, sono ricche di sali minerali, potassio, calcio, magnesio e ferro.
Ovviamente tutto questo portento se mangiate sbollentate e condite con un filo d’olio e qualche goccia di limone, perché se fatte nella frittata come nel mio caso, hanno poco da essere amiche della nostra dieta. Ma tant’è, io sono una golosona e certi capricci culinari ogni tanto me li concedo.
Questa, che solo oggi riesco a pubblicare, l’ho cucinata la scorsa settimana in occasione della festa di San Patrizio, per onorare in un certo senso il mio amore incondizionato per l’Irlanda.

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 mazzo di agretti freschi
  • 6 uova freschissime
  • 2 cipollotti di tropea
  • 100g di cubetti di caciocavallo (io Pugliese)
  • 1 dozina di pomodorini datterini piccoli
  • 2 cucciai di farina 00 + 1 di farina di ceci
  • 5 cucchiai di birra scura
  • olio EVO
  • sale e pepe q.b.

Preparazione:
Lavate acuratamente gli agretti ed eliminate a parte finale delle radicette, quella più dura ed eliminate eventuali parti secche. Sbollentate in abbondante acqua salata e scolate gli agretti strizzandoli bene tra le mani.
In una padella larga mettete dell’olio EVO e mettete a soffriggere i cipollotti di tropea tagliati finemente. Unite i datterini tagliati a metà e gli agretti. Fatte saltare bene il tutto e aggiungete i cubetti di caciocavallo.
Sbattete le uova con una forchetta per circa 4-5min, aggiungete le farine setacciate, il sale, pepe e la birra e versate il tutto sopra le verdure in padella. Mescolate leggermente affinchè il composto di uova penetri bene tra gli agretti e cuocete la frittata da entrambi i lati. Per girarla, fattela scivolare su un piatto e  poi capovolgetela dentro la padella.
Potete servirla calda, ma anche fredda. Fantastica anche tra due fettine di pane rustico abbrustolito in uno di quei fantastici pic nic con gli amici.

(Visited 77 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

8 Comments on Frittata agli agretti con cipollotti freschi e caciocavallo

  1. Sharon
    25 marzo 2014 at 20:19 (4 anni ago)

    Ciao Rebecka!
    Sembra una frittata buonissima, appena trovo le barbe di frate proverò la tua ricetta.
    Ps – Hai un blog bellissimo, complimenti!

    Rispondi
  2. Francesca P.
    25 marzo 2014 at 22:00 (4 anni ago)

    Io amo gli agretti, da romana! Sono felice che tu li conosca, perchè quando Matteo è sceso dai monti bergamaschi per arrivare nella capitale, non sapeva affatto l'esistenza di questa buffa verdura e l'ha mangiata con me per la prima volta! 🙂 I mercati si stanno riempiendo dei loro ciuffetti e presto voglio metterli anche io nella frittata… ho una doppia padella nuova nuova che mi aspetta, così ora sono sicura che tutte le uova non cadranno per terra quando faccio il gesto del “rigirare”! 🙂
    Ciao principessa giapponese, che bella quell'immagine…
    (anche qui freddo e pioggia, ma durerà poco, è solo un ultimo scherzo dell'inverno…)

    Rispondi
  3. Reb
    25 marzo 2014 at 22:11 (4 anni ago)

    E' una ricetta semplice e sfiziosa! Grazie mille Sharon! 🙂

    Rispondi
  4. Reb
    25 marzo 2014 at 22:24 (4 anni ago)

    Io gli agretti credo di averli mangiati la prima volta 14 anni fa, quando sono diventata culinariamente indipendente 😀 quindi felice di scegliere con quali cose farmi del male in cucina.
    In Romania credo di non averli mai mangiati prima, come non avevo mangiato prima di arrivare in Italia crostacei e molluschi.
    Ho avuto tante prima volte culinarie in Italia effettivamente 😀
    Nel rigirare io faccio dei numeri spaziali 😀
    Prima o poi capiterò da quelle parti a mangerò la tua favolosa versione di frittata con agretti… 😛 in attesa di andare alla casetta sul lago 😉
    Bacino grande

    Rispondi
  5. Mirtilla
    25 marzo 2014 at 23:26 (4 anni ago)

    introvabili da me gli agretti,mi consolo guardando la tua delizia!!

    Rispondi
  6. Stef@
    26 marzo 2014 at 9:16 (4 anni ago)

    Buongiorno Reb!! Passo di qui e trovo sempre qualcosa di speciale.. mi piace questa frittata e son curiosa di usare gli agretti.. non son ben sicura se li ho mangiati o no..magari qui da me si chiamano in modi diversi. Il loro sapore è amarognolo per caso? … Ecco un altra innamorata dell'Irlanda!! Mi piace che tu abbia approfittato di San Patrizio per fare questa bontà!! .. se vai in Irlanda.. fammi un fischio… mi faccio piccina piccina ti preparo pure la colazione… ihih!!
    Magari…!! Un bacione e buona giornata!
    ps.. fa freddino anche qui.. ma come te sento la primavera ovunque.. è come se non riuscissi a star ferma!! Bacio!

    Rispondi
  7. Reb
    26 marzo 2014 at 12:15 (4 anni ago)

    Non so di dove sei tu Mirtillina, ma qui da me io gli trovo all'Esselunga 🙂 più raramente in altri posticcini! Se vado dall'ortolano devo prenotarli, perchè non ne ha cosi…

    Rispondi
  8. Reb
    26 marzo 2014 at 12:20 (4 anni ago)

    Si si…sono pazza per l'Irlanda, cosi tanto che mi sono sposata con il rito celtico 😀 (favorevole anche il fatto di aver fatto parte di un gruppo di riesvocazione storica :D)
    Gli agretti hanno un sapore delicato, un pò come gli asparegi selvatici.
    E comunque si….se dovessi fuggire verso l'Irlanda prometto che ti metto nella mia borsa 😀

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *