Matcha and soymilk pudding

Il crepuscolo – pensai allora – è solo un’illusione, perché il sole è sempre così sopra o sotto la linea dell’orizzonte. Ciò significa che il giorno e la notte sono legati come poche altre cose al mondo, non possono esistere l’uno senza l’altro e tuttavia non possono esistere insieme. Come ci si può sentire, pensai, quando si è sempre uniti e sempre divisi?
Le pagine della nostra vita -Nicholas Sparks

Voglio disimparare….
Voglio vedere oltre la luce, perchè non sempre questa mi mostra ogni cosa. E’ un po’ come quando si osserva il mondo in controluce, con il sole negli occhi. Basta un dito alla volta che chiude gli spazi della mano sopra la fonte luminosa e piccoli dettagli, uno alla volta, prendono forma. Le cose migliori, le mie, prendono sempre forma in mezzombra.
Amore, amicizia, poesia, cucina, ricordi, chiacchierate…ogni cosa bella è migliore quando la vivo al crepuscolo. Quell’attimo che segue immediatamente l’ultimo sospiro del sole, quando il chiarore è gentile e ti fa perdere poco alla volta il contorno netto delle cose e delle persone.
E’ successo spesso, di fermarmi a parlare con le persone al tramonto. Ed è bello osservare i lineamenti del loro volto diluirsi nella luce del crepuscolo. Il più delle volte i discorsi sono così profondi, che nessuno degli amici vuole lasciare il proprio posto per accendere una candela o una luce qualunque.
Così gli occhi da prima si sforzano di mettere a fuoco le espressioni, per giungere poi ad un rassegnato e serafico stato d’animo che ti fa abbandonare la necessità di scorgere il volto dell’altro, perchè nel crepuscolo si sono dissolti spesso anche i racconti di vita per meglio osservare con incantamento l’incedere del blu profondo e il distendersi di una trapunta di stelle.

Disimparare la luce, per sviluppare altri sensi, o semplicemente per godersi i preziosi attimi della notte.
E magari, ritrovarsi con un’amica di viaggio in quella casetta sul lago, a osservare il tremolio delle luci della sera in lontananza, con un bicchierino o una ciotolina di budino verde speranza. Matcha, latte di soia e dolci pensieri fluttuanti.
Dedico questo post alle amiche, lontane e vicine, quelle di sempre e quelle nuove. Alle donne della mia vita, quelle che non ci sono più fisicamente, quelle che seguono i miei passi tenendomi per mano come quando ero piccola e quelle che, invece, affidano l’equilibrio della loro crescita alla mia mano ferma. All’amore, perchè c’è sempre, in ogni forma.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500ml di latte di soia (o riso se preferite)
  • 130g di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino abbondante di matcha
  • 7 gocce di estratto di vaniglia o i semi di un baccello
  • 1/2 cucchiaino di agar agar
In un pentolino mettete tutti gli ingredienti secchi e mescolate con la frusta per amalgamare bene il matcha allo zucchero e rompere eventuali grumi. Aggiungete poco alla volta il latte, da prima ottenendo una crema liscia e poi versando il resto del latte fino a diluirla. Accendete il fuoco e sempre mescolando con la frusta o con un cucchiaio, portata a bollore. Lasciate bollire per 2 minuti. Spegnete il fuoco, aggiungete la vaniglia, mescolate e trasferite nelle formine per il budino. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente e quando sarà solidificato mettete in frigo per un’oretta prima di servire. Avrete un budino lucido, a specchio, perfetto e digeribile, con un fresco sapore
Potete servirlo così com’è, oppure con una salsa al cioccolato bianco e granella di pistacchi. Abbinamento che è una garanzia Pierre Hermé!!!
(Visited 77 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

15 Comments on Matcha and soymilk pudding

  1. Chiara Setti
    28 maggio 2014 at 7:48 (3 anni ago)

    Come faremmo senza le amiche? Sono davvero preziosissime!!! Poi una cosa che adoro fare con le amiche è proprio quella di starsenesedute a chiacchiere mentre ci si gusta una torta o un buon dolcetto come il tuo… 😉 un bacione

    Rispondi
  2. Valeria Della Fina
    28 maggio 2014 at 14:31 (3 anni ago)

    Pienamente d'accordo.. senza amiche sarebbe impossibile sopravvivere.. Ci aiutano in ogni momento e fanno parte del mio sorriso quotidiano 🙂
    Bellissima ricetta, originale 🙂
    Un bacio!

    Rispondi
  3. Francesca P.
    28 maggio 2014 at 15:39 (3 anni ago)

    Sono venuta qui attratta dal verde-bosco, da questo tè che ancora non ho mai assaggiato, dai tovaglioli che abbiamo uguali, dalla voglia di leggere quali parole avrebbero questa volta accompagnato il tuo dolce… e poi mi trovo, tra le righe, quasi all'improvviso, mentre in viaggio io già c'ero, con la mente, scorrendo i tuoi pensieri e dicendomi che sono d'accordo con te, che l'ora del tramonto è magica, è la golden hour, è quella che ho sempre cercato anche nelle foto di ritratti…
    Grazie per avermi citato, proprio qui… scappo spessissimo in quella casetta, è un rifugio quasi spirituale quando voglio evadere e dividere dessert ottimi con un'anima bella come te.

    Rispondi
  4. Rebecka
    28 maggio 2014 at 15:49 (3 anni ago)

    Un bacione a te 🙂

    Rispondi
  5. Rebecka
    28 maggio 2014 at 15:51 (3 anni ago)

    Grazie Valeria. Un bacio a te

    Rispondi
  6. Rebecka
    28 maggio 2014 at 16:10 (3 anni ago)

    Noi ikea-victim. 😉
    Pensare ai momenti del tramonto, al lago e non poter fare a meno di pensare a quella casetta, un sogno che abbiamo condiviso. 🙂
    Un abbraccio

    Rispondi
  7. Assunta Pecorelli
    28 maggio 2014 at 17:56 (3 anni ago)

    Ciao Rebecka, grazie per essere passata!
    Mi piace molto il tuo blog: fresco, “pulito” e bellissime ricette corredate da foto ben fatte e luminose!
    Da oggi sono una tua sostenitrice, a presto! 🙂

    Rispondi
  8. Araba Felice
    28 maggio 2014 at 17:58 (3 anni ago)

    Bel pudding.
    Quasi quanto il tuo post 🙂

    Rispondi
  9. Simo
    28 maggio 2014 at 18:00 (3 anni ago)

    hai perfettamente ragione sulle amiche anche se…come è difficile trovarne di vere e sincere! Io ho preso tante di quelle batoste…
    Che meraviglia questi pudding, hanno un colore meraviglioso…………

    Rispondi
  10. Rebecka
    28 maggio 2014 at 18:34 (3 anni ago)

    Grazie Stefania! Un bacio

    Rispondi
  11. Rebecka
    28 maggio 2014 at 18:36 (3 anni ago)

    Ho preso tante di quelle cantonate anche io, peggio che con i fidanzati. Ma poi passa il tempo, il cerchio si stringe e rimane il meglio…E certe volte, per miracolo e per fortuna, la vita ne porta di nuove e belle nella vita.
    Un colore insolito per un budino 😀 verde….Mio marito mi ha chiesto: Scusa cara, ma che è? Un budino di fave? 😀
    Effetto matcha 😉

    Rispondi
  12. Cintia Soto
    28 maggio 2014 at 23:32 (3 anni ago)

    Vorrei salvare questo blog per leggermilo con calma questa sera, e un spettacolo non vedo l'ora di provare qualche ricetta.

    Rispondi
  13. Rebecka
    29 maggio 2014 at 0:22 (3 anni ago)

    Grazie, sei molto gentile! Tanti abbracci

    Rispondi
  14. Fabrizio
    31 maggio 2014 at 16:52 (3 anni ago)

    Innanzitutto complimenti perché scrivi davvero bene!!

    In secundis con Morsodifame stiamo organizzando un giveAway in cui diamo per premio dei prodotti molto carini…

    Si partecipa facilmente commentando e scrivendo quale è il tuo ricordo più dolce legato all'infanzia..

    Ti lascio il link per partecipare, sempre se ti va: http://www.morsodifame.com/2014/05/giveaway-2014-un-regalo-al-piu-bel.html oppure clicca direttamente qui !!

    Se ti va anche di farci un po' di pubblicità te ne saremmo grati!!

    Un bacio e complimenti ancora,

    Fabrizio per Morsodifame

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *