Di mare, di sabbia, di Salento e di Bellezza

rebeca sendroiu photography
Ci sono luoghi dove è naturale ed istantaneo staccare la spina. Luoghi la cui bellezza ti permette di lasciare a casa ogni pensiero. Per me questo luogo, nelle ultime due settimane, è stato un piccolo spicchietto di terra nel Salento.
Una casa sugli scogli, spiagge bianche che la fiancheggiano, con sabbia cosi fine che nemmeno i Caraibi possono vantare, un mare così limpido da lasciare senza respiro.
Il cobalto, il blu, il turchese, l’azzurro, l’acquamarina, il bianco e il verde intenso della macchia mediterranea, sono questi i colori che si vedono a Punta Prosciutto.
Un nome divertente per un pezzo di Paradiso terrestre.
Qui il buon cibo, la gente simpatica e cordiale sono il corredo perfetto per un luogo spettacolare. Un piccolo paradiso che merita di essere preservato.

Fino a un ventennio fa Punta Prosciutto era pressoché sconosciuta. Ma un paradiso accessibile, rimane deserto per poco tempo. Durante gli anni è stato preso d’assalto sempre di più, ma rimangono dei periodi durante l’anno in cui è ancora Paradiso elitario. E giugno fa parte di uno di quei periodi.
Punta Prosciutto, Li Prisuti in dialetto locale, nel comune di Porto Cesareo, in provincia di Lecce è un luogo dove la Bellezza, passando, si è fermata. Fa parte dell’area naturale marina protetta di Porto Cesareo.
Li Prisuti è una donna selvaggia la cui forma dei fianchi si scorge nella rotondità delle dune retrostanti la bianca distesa di sabbia. Una donna selvaggia che profuma di mirto e giglio di mare, di menta e timo.
Qui le spiagge sono ampie e i fondali bassi consentono di camminare per diversi metri nell’acqua (anche 50m) ed è forse questo che lo rende il luogo ideale per le famiglie con bimbi piccoli che possono giocare senza pericolo sotto il vigile sguardo di mamma e papà.
Stare con i piedini in ammollo in acqua cristalline, osservare pesciolini argentati avvicinarsi e girare intorno alle caviglie, sentire il respiro lento e prolungato dello Ionio, respirare ed incamerare tutta la bellezza selvaggia di quel luogo, non ha davvero prezzo.
Nelle immediate vicinanze, a delimitare il luogo c’è Torre Lapillo e Torre Colimena.
Visitare Avetrana, Manduria, Porto Cesareo e la vicina Lecce può considerarsi un tour in assoluto relax, senza affanno, senza corse e senza dover rinunciare al mare.
Il resto è fatto e studiato dalla natura per far staccare la spina a chi viene da lontano.
Ho mangiato e mi sono saziata di tutte le cose buone che terra e mare lì offrono. Ho scoperto e riscoperto sapori autentici. Ho ritrovato il vero sapore di certi frutti della terra, ho aperto cozze, le ho saltate in padella e ci ho fatto spaghettate, mi sono goduta certi merluzzi morbidissimi in panature croccanti che ho replicato subito per non dimenticare. Ho pulito per la prima volta i totani senza provare un senso di ‘repulsione’ per il loro esser sgusciantemente vivaci al tatto, aperti e girati sulla griglia.
Ho consumato kg di mozzarelle e stracciatella e ho ringraziato tutti gli dei che conosco per non essere intollerante ai latticini.
Ho gioito delle scoperte della mia dolce treenne, mi sono rallegrata della sua felicità e delle cose semplici, come un caffè ghiacciato sul terrazzo di casa mentre il mare si gonfiava maestoso e terribile.
Perchè la vita è una cosa semplice. E sono le cose semplici a renderla magnifica!
rebeca sendroiu photography
rebeca sendroiu photography
rebeca sendroiu photography
Dove dormire
Area sosta camper
Il Saraceno, Punta Prosciutto
Dove mangiare e bere:
Birreria 102, Avetrana
Macelleria-Braceria Fanuli, San Pietro in Bevagna
Un giro che ritengo obbligatorio è quello al Caseificio Gioia Sapori di Avetrana dove fare il pieno di stracciatella, mozzarella intrecciata, mozzarelle nodini, giuncata, crema di ricotta e burrata.
(lista in fase di aggiornamento)
rebeca sendroiu photography
rebeca sendroiu photography
(Visited 144 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

19 Comments on Di mare, di sabbia, di Salento e di Bellezza

  1. Sara e Laura-PancettaBistrot
    2 luglio 2014 at 19:07 (3 anni ago)

    Che splendore Rebecka, foto bellissime, un tramonto che toglie il fiato… Questo tour è assolutamente da fare!! Cozze, stracciatella…mmm che goduria!!!
    Siamo proprio contente che ti sei rilassata in questi splendidi luoghi:)
    Bellissima l'ultima frase del post, la terremo a mente!!

    Rispondi
  2. Vaty ♪
    2 luglio 2014 at 21:06 (3 anni ago)

    che posti e che foto meravigliosi tesoro <3

    Rispondi
  3. Stef@
    2 luglio 2014 at 21:40 (3 anni ago)

    Splendide foto davvero.. La Puglia sa come conquistarti, ne so qualcosa io che ci son finita a vivere.. dovrei reimparare a guardarla con gli occhi delle mie volte qui!Ti consiglio anche la zona dei trulli e il Gargano .. sono magnifici da perdere il fiato! baci e buona vacanza!
    ps oggi ho fatto un tuo dolcetto che volevo provare..!
    Stefy

    Rispondi
  4. Rebecka
    2 luglio 2014 at 23:08 (3 anni ago)

    Grazie dolcissime bimbine! La Puglia è sempre magica. Tornarci, ogni volta, è magia.
    Un baciotto

    Rispondi
  5. Rebecka
    2 luglio 2014 at 23:09 (3 anni ago)

    Grazie tesorino, un bacione immenso! <3

    Rispondi
  6. giochidizucchero
    2 luglio 2014 at 23:11 (3 anni ago)

    <3 che foto invantevoli, come i posti che descrivi... che voglia di mare! un bacione

    Rispondi
  7. Rebecka
    2 luglio 2014 at 23:13 (3 anni ago)

    La zona dei trulli è magica, l'abbiamo visitata 3 anni fa. Mentre 6 anni fa mi sono fatta il giro di tutti i dolmen e menhir dei quali avessi avuto notizia. Mi affascinava come strutture cosi nordiche e legate al mondo celtico, fossero finite in Puglia. In effetti, un pò di mistero rimane ancora. Mentre il Gargano l'ho visto solo di passaggio ahimè, perchè avendo casa in Salento viene naturale sfruttare quella. 🙂 Ma chissà che qualche volta non si riesca a godersi un fine settimana nel Gargano.
    Ora sono curiosa di sapere del dolcetto 😛

    Rispondi
  8. Rebecka
    2 luglio 2014 at 23:15 (3 anni ago)

    Grazie mille….il Salento è davvero splendido!

    Rispondi
  9. Francesca P.
    2 luglio 2014 at 23:23 (3 anni ago)

    Metto il titolo di questo post in tasca e tra un mese seguo le tue orme… sarò vicina a questi posti, ho già segnato alcuni indirizzi… 🙂 Conosco il Salento, è la mia terza vacanza in dieci anni e ogni tot è il cuore a dirmi di dover tornare per un nuovo saluto… e non vedo l'ora, non vivo l'emozione della scoperta ma la dolcezza di una conferma…
    Grazie per questo assaggio, mi accompagnerà nel conto alla rovescia!

    Rispondi
  10. Ale
    3 luglio 2014 at 6:22 (3 anni ago)

    UN POST CHE LASCIA SENZA PAROLE SE NON UNA: “WOOOW”
    Davvero un paradiso terrestre! Bellissime le foto compresa te e la tua dolce donnina!
    Un abbraccio forte!

    Rispondi
  11. Danja | Un pinguino in cucina
    3 luglio 2014 at 9:37 (3 anni ago)

    Che foto meravigliose!!! Adoro il Salento, ci sono stata un paio di volte in gioventù e ci ho lasciato il cuore. Mi hai fatto venire una gran voglia di tornareeeee ^-^

    Rispondi
  12. SELENDIR
    3 luglio 2014 at 10:09 (3 anni ago)

    Che incanto! Che magia! Che poesia!…le cozze, intendo 🙂 Ovviamente sto scherzando, piccola mia. Non mi riferisco alle cozze ma alla Pincipessina e soprattutto (non volermene) alla Terra che hai descritto e fotografato. Con le parole sei sempre stata braverrima ora diventi tale anche con le foto. Quel tramonto!!! Porta via il cuore. E tu lo sai che io sono tipo più da Alba che da tramonto, ma qui…m'inchino. Non parlo volutamente di cibo…un abbraccio e bentornati.

    Rispondi
  13. Rebecka
    3 luglio 2014 at 11:25 (3 anni ago)

    E' risaputo che il luogo che preferisco in assoluto è Parigi, ma per immergere i piedini nel mare, sentendosi a casa, il Salento ha pochi rivali. Avrai senza dubbio vacanze che sapranno ricaricarti! Un abbraccio immenso

    Rispondi
  14. Rebecka
    3 luglio 2014 at 11:26 (3 anni ago)

    Grazie Ale…il donnino li si è divertita come non mai!! Un bacione

    Rispondi
  15. Rebecka
    3 luglio 2014 at 11:27 (3 anni ago)

    Se hai la possibilità di farlo, non perdere l'occasione! Un bacione

    Rispondi
  16. Rebecka
    3 luglio 2014 at 11:28 (3 anni ago)

    Sele, ti assicuro ce le cozze sono state poesia 😀 La principessina era meravigliosa e splendente più che mai, un piccolo cioccolatino dotato di gambine che sguazzava nell'acqua sotto un sole gentile!
    Un bacio

    Rispondi
  17. Stef@
    3 luglio 2014 at 11:30 (3 anni ago)

    No vabbè.. ma ho anch'io ho la stessa passione .. anche se di quelli pugliesi ho solo letto e mi piacerebbe visitarli..!!
    Il dolcetto è venuto davvero buono!!Un profumino.. anche se devo aver sbagliato qualcosa.. mi è venuto un pò duro come un budino, non so forse non è lievitato bene .. però era buonissimo lo stesso. Voglio rifarlo per vedere dove ho sbagliato..Ah dimenticavo il dolcetto era la tua rustic honey cake ( ho aggiunto la lavanda..) Baciotti e ancora buona vacanza!

    Rispondi
  18. Rebecka
    3 luglio 2014 at 11:53 (3 anni ago)

    Felice scoprire di volta in volta come le passioni ci uniscano. Che bello! <3 Allora per il dolcetto non ho idea come mai sia venuto budinoso. Seguendo tutti i passaggi dovrebbe venire uguale. Una volta che le uova sono montate sofficissime come nuvole e il burro è freddo a temperatura ambiente (rimane comunque liquido) non dovresti incontrare problemi. Mi dispiace che non sia riuscito al primo colpo. Ma tienimi aggiornata se lo rifai. 😉

    Rispondi
  19. Stef@
    7 luglio 2014 at 10:39 (3 anni ago)

    All'inizio pensavo fosse la grande quantità di miele ad avergli dato questo strano effetto finale.. ma buonissimo.. mio marito c'è andato matto!.. però credo abbia ragione tu.. non avrò montato bene le uova.. ti farò sapere quando lo riproverò!Baciotti

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *