Mango, lime & ginger sorbet

sorbet copia
Il mese di dicembre mi è letteralmente scivolato tra le dita e senza che me ne accorgessi. Sono quelle cose che succedono quando prendi con te stessa e con chi ti segue l’impegno di sfornare una ricetta al giorno per il Calendario dell’Avvento. Ma vero è che, a meno di non soffrire di masochismo estremo, sono quelle cose che fai una sola volta nella vita (del blog).
Ho cucinato, cucinato davvero tanto, per tanti amici e per la famiglia, per impegno e per piacere. Ho cucinato talmente tanto che il 1 gennaio ho guardato il frigo e ho compreso che avrei potuto sopravvivere per una settimana intera solo con gli avanzi. Così mi sono solo limitata ad impacchettare e congelare per poi spadellare all’occorrenza mixando tra loro le cose. Che ne so, tipo gli avanzi di bulghur hanno sposato bene le lenticchie di Capodanno, stufate nella wok. Ratatoille di avanzi di verdure che scaldate insieme al sughetto che l’arrosto aveva lasciato, oppure una torta salata fatta con il bollito ed altre verdure che mi erano avanzate, in una crosta davvero squisita di pasta fillo.
Insomma, mi sono presa un po’ di pace lontana dal caos della cucina e del blog. Uno standby casalingo per ricaricarmi prima del grande salto. Perché il 2015 è uno di quei anni da vivere seguendo i passi lunatici del destino, sempre un po’ tra la terra e le nuvole.
C’è molto che bolle in pentola da un paio di giorni e sento dentro di me una forza inarrestabile.
Voglio sognare, osare, sperare, fare, concludere, imporre a me stessa la visione positiva che questo anno sembra avere e quella giusta influenza che può caricarmi come una molla.
Tutto questo con sognante grinta e per citare Rob Brezsny nelle sue previsioni per il mio segno, sarò oceanica! Vasta e profonda, agitata e infinita, turbolenta e inarrestabile. Sarò onnidirezionale e onnisciente, poliritmica e perversamente polimorfa.
Ma torniamo alla ricetta semplice di oggi che è un altro risultato degli avanzi della tavola di dicembre. Avevo fatto una certa scorta di frutta esotica e credevo di non vederne la fine. Ormai il mango era al punto di maturazione perfetto e non ero più in grado di sfornare un’altra torta eprché non ero più decisamente in grado di mangiarla.
Ero al capolinea con i dolci, quando ho pensato che cosa avrei potuto fare per digerire tutti i pranzi e le cene.
Beh di certo il mango si presta favolosamente ai sorbetti. Ma da solo non è che mi dica granché, troppo dolce. Così ho abbondato con il lime e li ho dato una sferzata con l’aggiunta di zenzero fresco.
Ma ecco la ricetta, davvero semplice e di facile realizzazione. Un sorbetto per digerire anche le cene più pesanti.

Ingrdienti:

  • 3 mango maturi
  • 3 cucchiai di sciroppo di glucosio
  • il succo e la scorza di 2 lime bio
  • 1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato
  • 2 cucchiai di acqua bollente

Private il mango della buccia e del nocciolo e tagliatelo a cubetti. Mettetelo in freezer per una notte. Toglietelo dal freezer 15min prima di frullarlo aggiungendo il succo e la buccia dei lime, lo sciroppo di glucosio e lo zenzero lasciato in infusione nell’acqua bollente. Frullando otterrete una sorbetto molto cremoso, senza l’aggiunta di latte o panna, tutto dipenderà da quanto è maturo e morbido il vostro mango.
Mettete in un contenitore e lasciate in frigo per altre 2 ore.
Prima di servirlo lavoratelo con una forchetta. Porzionate nelle coppette, grattugiate dell’altro lime se lo desiderate o mettete una fogliolina di menta.
E’ fresco, gustoso, profumato e affatto stucchevole, perfetto per concludere un pranzo o una cena molto ricchi.

sorbet1 copia

(Visited 243 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook19Share on Google+19Tweet about this on TwitterPin on Pinterest14Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

14 Comments on Mango, lime & ginger sorbet

  1. Valeria
    9 gennaio 2015 at 14:59 (3 anni ago)

    Adoro il mango, ha un sapore così particolare! Ottimo questo sorbetto, un bacione 🙂

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:57 (3 anni ago)

      Sì, mi piace proprio tanto, ha un retrogusto e ‘retrodore’ di resina che mi fa impazzire. 😛 Peccato costi un accidenti, perché lo userei molto più spesso.
      Baciotti

      Rispondi
  2. Giulia
    9 gennaio 2015 at 16:47 (3 anni ago)

    Bello spadellare, ma altrettanto bello poter vivere di rendita per un po’ con i gustosi avanzi! 🙂
    Questo sorbetto mi piace da morire: la freschezza del lime e dello zenzero immagino si sposi alla perfezione con l’aroma del mango. Mi hai messo una gran voglia di provarlo, sappilo!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:56 (3 anni ago)

      Oh sì, vivere di rendita degli avanzi è pazzesco. Anche perché, con la scusa di non mangiare le stesse cose, arrivi a combinare più cose tra di loro e finisci con il creare cose che mai avresti pensato possibili e così deliziose. 😛
      Per il sorbetto, ti giuro, puoi solo provarlo! 😛 E’ irresistibile!
      Un bacione grande

      Rispondi
  3. Laura&Sara Pancetta Bistrot
    9 gennaio 2015 at 21:59 (3 anni ago)

    Anche noi siamo tornate con un po’ di lentezza in cucina e sul blog…ci siamo godute le feste, i parenti e gli amici, e ora siamo pronte per iniziare questo nuovo anno di sfide e cambiamenti anche per noi.
    Splendido questo fresco sorbetto, perfetto anche per concludere una bella cena a base di pesce:) Brava!!
    Un bacio e buon inizio di anno!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:53 (3 anni ago)

      Sì, accompagna bene la chiusura di una cena a base di pesce, senza ombra di dubbio. Vi abbraccio tanto e vi auguro tante belle realizzazioni personali e lavorative!
      Un bacio

      Rispondi
  4. alessia mirabella
    10 gennaio 2015 at 15:31 (3 anni ago)

    Sei stata bravissima con il calendario dell’avvento…un’impresa titanica che io probabilmente non sarei stata in grado di portare a termine… sei una grande! E questo sorbetto deve essere squisito…si vede che è cremoso….brava Reb! Sei meravigliosa!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:51 (3 anni ago)

      Non so come ho fatto cucciola. Quello che so è che non mi sono goduta Dicembre come di solito riesco a fare. Troppa frenesia. Forse è per questo che ancora non ho smontato l’albero di Natale, epr godermelo ancora, complice la mia principessina che ha detto al suo babbo e ai nonni che noi l’albero lo smontiamo quando arriva la primavera 😀 haahahahah
      Questo è supercremoso, ma non credo di avere meriti, piuttosto è merito del mango maturo giusto, burroso ma non poltiglioso.
      Un bacio grande

      Rispondi
  5. Simona Stentella
    11 gennaio 2015 at 5:55 (3 anni ago)

    Ciao tesoro!!! Come avrai fatto a fare il calendario dell’avvento ancora me lo chiedo, io non ci sarei MAI riuscita!
    Il sorbetto è strepitoso e il 2015 è un’attesa emozionante! 😉
    baci cara e a presto!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:48 (3 anni ago)

      Hahahahaha Cimo, non ne ho la più pallida idea. Quello che so con assoluta certezza è che non lo rifaccio più 😀 Dico così e poi so già che mi ritroverò a fare una simile pazzia. 😀
      Il 2015 è partito mettendo alla prova tutti e credo che ostacoli sui quali inciampare se ne troveranno molti, ma voglio essere positiva per me e per il mondo, credere che il buonsenso prevarrà su tutto!
      Ti abbraccio forte

      Rispondi
  6. vicaincucina
    11 gennaio 2015 at 19:03 (3 anni ago)

    Il mango è uno dei miei frutti del cuore. Non lo compro molto spesso (costa un botto!), ma ho scoperto che qui in Sicilia lo coltivano, e lo sai tesorina, sono dolci e buoni (forse ancora più buoni) di quelli esotici portati qui dall’altro capo del mondo.
    Il tuo sorbetto è venuto benissimo, anche senza gelatiera, quelle palline tonde.. perfette! Mi si sciolgono le papille solo a guardare ♥

    p.s.: Io non resto mai con gli avanzi, ultimamente ho imparato a cucinare il giusto quanto basta per il numero di persone che ho a tavola. Non so se è bene o male, ma di certo non si resta appesantiti una volta mangiato, (non c’è il bis) 😀

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 8:46 (3 anni ago)

      Ma dai, questa si che è una meravigliosa scoperta. Potrebbero diventare produttori e coprire il fabbisogno del paese, se solo avessimo delle politiche agricole (e non solo) che rendano dignitoso il lavoro di chi ha anche solo un pezzetto di terra. Anche a me il mango piace molto, con quel retrogusto resinoso. Nemmeno io lo compro spesso perché costa 3.90 al kg quando va bene. L’ho comprato per Natale e abbiamo finito con il non consumarlo e me lo sono ritrovato maturo, burroso e perfetto per questo sorbetto che da troppo tempo volevo fare. Un bacio

      Rispondi
  7. Custode
    12 gennaio 2015 at 17:45 (3 anni ago)

    Delizioso! E ottimo anche come “ingrediente segreto” da aggiungere a cocktails e long drinks 😉

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 gennaio 2015 at 17:51 (3 anni ago)

      Confermo 😛 appena bevuto l’ultima creazione, presto al Cottage! 😀

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *