Artigiani al Cottage. Lugh and Aisling Celtic Art

lugh1

Quando frequentavo assiduamente le feste celtiche come membro di un gruppo di rievocazione storica, incontrare Lugh e la sua dolce compagna Aislig era molto facile.
Rimanevo rapita ed incuriosita dalla loro manualità. Lui quasi sempre impegnato con il pellame a confezionare calzature storiche su misura per i ragazzi dei vari gruppi e lei abbandonata alla dolce visione di un mondo dove il femminile occupa lo spazio che merita, occupata per lo più nella realizzazione di gioielli con forte richiamo alla vita, alla Creazione, alla fertilità.
Oggi sono ospiti del Cottage e mi hanno gentilmente concesso un’intervista.

Ale, quando hai iniziato a creare con le tue manine i primi oggetti?
Da sempre sono stata attratta dai lavori manuali e creativi e in essi ho spaziato e sperimentato vari ambiti. Da diversi anni a questa parte in particolare creo gioielli artigianali per Lugh&Aisling Celtic Art: artigianato di ispirazione celtica, fantasy, vichinga e medievale.
Creo collane, pendenti, bracciali,coroncine…..i materiali principali che utilizzo sono il rame, il rame argentato, l’ottone e le pietre dure.
I disegni dei miei gioielli sono ispirati ai tempi antichi e ai gioielli storici, ma spazio molto anche nelle forme più creative e fantasy.

lugh2
Ricordi ancora quale è stato il primo oggetto che hai creato?

Nell’ambito dell’artigianato celtico,avendo una passione per i monili ed i cristalli ho iniziato creando collane in rame e pietre dure. Per le mie creazioni utilizzo esclusivamente materiali il più possibile naturali e non tratti, come appunto il rame, metallo che ha molte proprietà benefiche sia a livello fisico che energetico: ha proprietà elettromagnetiche, antidolorifiche e rilassanti; e’ un metallo vivo e nobile che vivifica il campo magnetico, apportando energia. Oltre al rame utilizzo varie pietre dure preziose e semi-preziose, ognuna della quali ha una sua particolare energia e simbolismo specifici.

La tua passione per le antiche tradizioni femminili,influisce sulla scelta degli oggetti che crei?

Assolutamente si! Diciamo che essa è la costante ispirazione e l’Essenza di ogni mia creazione. A partire dalla scelta dei materiali primi, come il rame, che è uno dei materiali utilizzato fin dall’antichità per le sue proprietà benefiche, per la realizzazione di gioielli terapeutici e di talismani, in quanto si riteneva fosse apportatore di Fortuna, Buona Sorte e Amore. Secondo le Antiche tradizioni sapienzali ed Alchemiche, esso è il metallo simbolicamente legato al Pianeta Venere,e quindi e’ considerato il metallo per eccellenza delle Donne, legato strettamente ed intimamente al magico mondo del Femminile e della Dea Madre.
Non a caso le Streghe venivano descritte come intente a rimestare incantati Calderoni di Rame, che avevano magici e occulti poteri.
Come precedentemente accennato ,al Rame associo pietre dure e cristalli, tenendo presente della sua simbologia energetica e della cristalloterapia.
Inoltre uno dei motivi ricorrenti delle nostre creazioni e’ la Spirale,antichissimo simbolo legato alla ciclicità Naturale, Lunare e Femminile.

Che percezione hanno gli altri rispetto al tuo lavoro, rispetto al tuo mestiere?
In generale il lavoro dell’artigiano è sempre un poco sottovalutato.
Principalmente perché questo tipo di lavoro richiede grande impegno e grande impiego di energia, forza e tempo. Fortunatamente però c’e’ sempre una nicchia di amatori ed appassionati di questo genere di creazioni, che se pur ristretta, è sempre più in aumento. Grazie ad essa e al suo supporto, riceviamo sempre grandi soddisfazioni all’interno del nostro lavoro di artigiani e questa è la spinta e il motore che ci sostiene e ci aiuta ad andare avanti con i nostri progetti.
lughais
E’ vero che gli artigiani non sono più apprezzati perchè soppiantati dai “creatori industriali”, o puoi affermare che inizia ad esserci un ritorno rispetto ai vecchi mestieri e conseguentemente un ritorno del pubblico ad apprezzare gli oggetti fatti a mano?

A volte i lavori artigianali hanno dei prezzi più elevati di quelli industriali e questo è indubbiamente un punto importante nella scelta di chi acquista, anche se i prodotti artigianali hanno indubbiamente una qualità superiore rispetto ai prodotti industriali.

Acquistando un lavoro artigianale si acquista un oggetto che ha un Energia che gli e’ stata infusa da chi con le proprie mani,il proprio lavoro,la propria fatica e il proprio Amore ha lavorato e creato quell’oggetto, a differenza di un oggetto commerciale, creato senza passione,senza amore e senza energia da un freddo e meccanico processo industriale. Si potrebbe quindi affermare che un oggetto artigianale sia un oggetto che possiede un Anima e una propria particolare energia, che spesso viene percepita da chi ama e acquista quell’oggetto; e sono proprio queste persone che creano una nicchia di acquirenti consapevoli che fortunatamente e’ sempre più in aumento e che sostiene e da forza agli autoproduttori e agli artigiani.

Anche tuo marito e’ un artigiano,so che lavora principalmente il cuoio e l’ottone. Andate d’accordo sulle cose da creare? O avete opinioni divergenti?

Mio marito Lugh si occupa della parte più storica della nostre creazioni,
ma nessuno dei due interferisce su quello che l’altro crea,sono due mondi a parte ed ognuno porta avanti le proprie creazioni artigianali in base alla propria ispirazione ed idee personali. Lugh e’ specializzato in particolare nella riproduzione di calzature storiche celtiche, vichinghe e medievali; nella produzione di scarselle e borse storiche e in quella di torques celtici e fibule in ottone ed alpacca.
Per chi non sapesse cosa sia il Torque ecco un piccolo inciso storico:
“Il Torque e’ il tipico collare aperto sul davanti che utilizzavano le popolazioni celtiche e che aveva un grande significato simbolico. Esso era simbolo di Onore, Valore individuale, Libertà e proprio per questo veniva indossato solamente da uomini e donne liberi, da nobili e guerrieri. Per i Celti il torque era molto più di un gioiello: era un oggetto mistico, parte integrante dell’identità del popolo, costituiva una sorta di segno tipico della divinità e di conseguenza, indossandola ci si garantiva la benevolenza degli Dei e la protezione dalle energie negative. Era un talismano catalizzatore di Energia e avvicinava l’uomo alle Divinità concentrando le forze mistiche sul proprio corpo.”
Nelle nostre creazioni noi cerchiamo di mettere tutto questo e tutta l’energia ed il significato profondo che nei tempi passati queste creazioni avevano.
lughais1
Come nasce il vostro nome, Lugh&Aisling Celtic Art?

Il nostro nome nasce dalla nostra passione per i Tempi Antichi e la rievocazione storica. Avendo fatto parte di diversi gruppi di rievocazione, questi sono i nostri nomi celtici.
Lugh e’ il nome di una Divinità celtica, che letteralmente significa “Figlio del Sole”, esso è il Dio del Sole e della Luce, protettore dei mercanti e degli artigiani, in quanto si dice possedesse la qualità di eccellere in tutte la Arti e le tecniche.
Aisling è invece un nome femminile gaelico che vuol dire “Sogno – Visione”, e secondo alcune antiche leggende irlandesi era il nome della Regina delle Fate.

So che hai anche altre passioni,ti andrebbe di raccontarti in questo senso?

Fin da ragazzina ho amato in particolar modo cucinare.
Credo sia una vera e propria Arte del Creare ed e’ la mia più grande passione. Da sempre ho amato cucinare e sperimentare piatti di cucina vegetariana, in particolare amo i piatti delle cucina indiana e mi sono specializzata nell’uso delle spezie e erbe aromatiche .
Da qui mi sono addentrata da autodidatta nell’ambito dell’ erboristeria, nella creazione di the’, tisane,sciroppi, tinture e tutto ciò che si può fare con le erbe e le spezie, come incensi fatti a mano,saponi e molto altro.
Mi piace molto cimentarmi nelle autoproduzioni di qualsiasi genere in cucina e nell’ambito della cosmesi naturale. Col tempo ho ampliato questa passione per i lavori manuali anche ai lavori tradizionali femminili, come il ricamo, l’uncinetto la tessitura; e non mi pongo nessun limite nello sperimentare sempre nuovi ambiti creativi.

Una domanda da un milione di dollari. Cosa ti rende felice?

Domandone davvero difficile….mi rendono felice le cose Semplici, spontanee e naturali: la mia casa, la mia Famiglia (quella materiale e quella spirituale), mi rende felice stare vicino a chi amo e fare ciò che amo seguendo i miei ritmi interiori e le mie ispirazioni. Vivere il più possibile in maniera armonica al mondo Naturale e vicina ad esso.
Come diceva un grande Maestro spirituale indiano:

“VITA SEMPLICE E PENSIERO ELEVATO”

diciamo che questo e’ il mio Ideale di vita e ciò a cui aspiro.

Se potessi lasciare un messaggio per le piccole donne di oggi e per quelle che verranno,cosa diresti loro?

Alle giovani Donne di oggi direi di seguire sempre la loro Natura più Profonda e Selvaggia; cercando di non soffocare la loro Vera Essenza e la Loro Bambina Interiore, cosa molto difficile da fare nella società moderna per un Anima davvero libera.
Direi di cercare di restare sempre connesse con la loro Spiritualità e di coltivarla sempre in maniera sincera.
Direi loro di credere sempre nei loro Sogni ,e in se stesse, e nel potere che esse hanno di realizzarli.

Potete trovare Aislig e Lugh sul loro sito:

http://www.lugheaislingceltic art.com

e acquistare le loro creazioni su Etsy shop

La loro pagina Facebook

(Visited 209 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook47Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

2 Comments on Artigiani al Cottage. Lugh and Aisling Celtic Art

  1. e il basilico
    5 febbraio 2015 at 15:13 (2 anni ago)

    Cosa mi rende felice? Molte cose, ma è una domanda che, secondo me, almeno una volta alla settimana dovrei farmi…a volte me ne dimentico.
    Questi oggetti sono davvero incantevoli, complimenti a Aislig e Lugh.
    Baci cara. eleonora

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      5 febbraio 2015 at 15:16 (2 anni ago)

      Dovremmo chiedercelo più spesso, perché certe volte nel turbinio dei giorni perdiamo di vista le cose che ci rendono felici.
      Felice che le creazioni di Aislig e Lugh ti siano piaciute.
      Un abbraccione grande Eleonora

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *