Beetroot upside down cake

upsidedownbeetroot3

Sono una ragazza in cerca della felicità. Quella grande felicità che scuote gli attimi, che non ha pretese di esistere, perché sa di essere eterea ed inafferrabile.
Ma sono anche una ragazza che sa accontentarsi. Perché per essere felice so che devo solo darmi retta, ascoltarmi nei bisogni più semplici. Così se sento odore di fragole, anche se la ragione mi suggerisce che è presto per la loro stagione, io mi fermo, tuffo il naso in quel profumo che adoro, sorrido e metto nel cestino.
Mi ascolto mentre gli occhi cercano il colore. Il verde, l’arancione, il giallo, ancora verde e rosso, tanti rossi diversi. Poi ci sono quelle cose che nessuno guarda, perché chissà mai come si cucina e quale cosa potresti farci se non dei tristi piatti.
Ma io guardo bitorzoli e rughe, spine e pieghe e vedo un mondo tutto mio.
Quando ho visto le barbabietole immediatamente davanti ai miei occhi si sono materializzate almeno 3 ricette.
Oggi quelle stesse barbabietole le ho girate e rigirate tra le mani, le ho annusate, sono penetrata con ogni fibra nel loro odore terroso, così semplice e sincero. Le ho sfregiate con un coltello e loro mi hanno mostrato subito il loro succo rubino, così intenso, dolce e bello.
Le dita tinte, San Valentino alle porte, quel succo così bello e un’idea nuova, che al mercato non mi aveva attraversata.
Ho fatto torte rovesciate di ogni tipo, sono un po’ la signora delle torte rovesciate, ma nel mio repertorio mancavano le rape. Non le avevo ancora usate. Io che caramello di tutto, che rovescio e gusto, non avevo ancora pensato di rovesciar delle barbabietole. Beh, ho rimediato oggi pomeriggio, con molto entusiasmo. Ho scelto la mia affidabile base, ho affettato sottilmente le barbabietole e le ho tuffate nello zucchero. Quel colore mi è piaciuto così tanto, le trasparenze delicata di quelle fette, quel rubino intenso che è una promessa d’amore.

Forse quest’anno il mio S.Valentino non avrà il sapore delle fragole e del cioccolato, ma delle barbabietole.

upsidedownbeetroot5

 

 

Ingrdienti tortiera 20cm diametro:

  • 200g di burro morbido
  • 200g di zucchero + 70g per il fondo
  • 230g di farina 00
  • 4 uova medie
  • la scorza di un’arancia bio
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 3 barbabietole medie
  • 1 pizzico di sale

Pelate le barbabietole e tagliatele sottilmente. In una padella antiaderente mettete 50g di zucchero e le fettine di barbabietole e lasciate caramellare a fuoco medio. Perderanno un po’ di acqua e ne ricaverete uno sciroppo buonissimo, che io ho usato per dare quel bel colore aranciato alla torta.
In una ciotola mettete il burro, lo zucchero e i tuorli e lavorate con le fruste fino ad ottenere un impasto gonfio e cremoso. Incorporate poco alla volta la farina e il lievito setacciati e aggiungete il sale, l’estratto di vaniglia e la scorza d’arancia. Montate gli albumi ed incorporateli poco alla volta all’impasto.
Imburrate una teglia ad anello, foderate con carta forno (anche i bordi) e versate sul fondo i restanti 20g di zucchero. Disponete le fette di barbabietola sul fondo e versate sopra l’impasto.
Fate cuocere nel forno preriscaldato a 175°C per circa 40min. Lasciate raffreddare nella tortiera e capovolgete sopra un piatto per dolci. Togliete con cura la carta forno e lasciate che lo sciroppo scivoli lungo i bordi della torta. Potete servire con del gelato alla noce o con un cucchiaio generoso di crema di yogurt greco.

beetroot

(Visited 137 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook1Share on Google+7Tweet about this on TwitterPin on Pinterest3Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

2 Comments on Beetroot upside down cake

  1. Khadija
    12 febbraio 2015 at 15:31 (3 anni ago)

    Sei riuscita a rendere armonico anche una festa come San valentino che tutti usano in modo estremamente consumistico.. adesso ho voglia di questo tuo dolce mia cara Reb.

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      12 febbraio 2015 at 15:54 (3 anni ago)

      Pensa che in una community food che frequento il mio moto presentando questa ricetta è stato: niente rose, niente diamanti, niente scatole di cioccolatini, per San Valentino, regala una barbabietola! 😀 auhauhahuaua

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *