Mardi Gras beignets

 

beignets mardi gras

Andalusia, Provenza, Grecia, Romania, Polinesia, Irlanda, New Orleans e Parigi, tantissima Parigi. Chi frequenta il Cottage sa che a fasi alterne nutro il desiderio di vivere in uno dei luoghi sopra elencati. Non importa che sia una città, una regione, un paese intero o un’infinita distesa di isole nel mezzo di un bellissimo nulla.Ma oggi è Martedì Grasso e quanto è vero che mi chiamo Rebecka e che amo cucinare, non c’è altro posto dove avrei voluto essere se non a New Orleans. Percorrere San Charles Avenue e Canal Street inseguendo i carri del Carnevale, nel vociare della gente, con una dose generosa di beignets freschi ricoperti di zucchero. Per fare il pieno della musica che amo, per sognare che il tempo non esiste e che Muddy Waters inciamperà nella scia dei miei passi non appena avrò svoltato quello o quell’altro angolo. O che sentirò attraverso le persiane spalancate di un appartamento in Bourbon street, le note di John Lee Hooker. Varcare una di quelle porte segrete, misteriose ed eccentriche di una bottega dove vendono ‘magia’. O anche no, perché vi dirò che un po’ mi fa paura quel tipo di ‘magia’.
Ma parliamo di questi beignets. Io sono una che non ama friggere. Non mi piace sentire l’odore di fritto che penetra in ogni dove. Perché se anche faccio girare la cappa a massima velocità, chiudo tutte le porte tra la cucina ed il resto della casa, rimanendo con la finestra spalancata, non so com’è, ma il fritto sembra comunque varcare ogni soglia.
Una volta all’anno sfido la mia avversità e friggo qualcosa di buono, per cui valga la pena appestare casa. E credetemi che questi beignets sono il mio compromesso preferito.
Traendo ispirazione da un impasto di Helmut Lengauer, dopo aver sperimentato numerosi impasti di beignets, posso dire con certezza che al momento, questi sono quelli che più adoro.

beignets

Ingredienti per circa 24-30 ciambelline:

  • 600g di farina Manitoba
  • 200ml di latte intero
  • 2 uova media grandezza
  • 95g di zucchero + 100 per la copertura
  • 70g di burro bavarese morbido
  • 2 cucchiai di panna acida
  • 16g di lievito di birra fresco
  • 10g di sale
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaino di scorza di arancia grattugiata fresca

Fate un lievitino con una parte della farina, circa 200g, il latte intiepidito nel quale avrete sciolto il lievito e due cucchiaini di zucchero dal totale.
Mescolate con una forchetta fin quando gli ingredienti non saranno ben amalgamati, coprite con pellicola e lasciate raddoppiare il volume in un luogo tiepido (circa un’ora).
Trascorso questo tempo, lavorate le uova con il restante zucchero fin quando non avrete un composto gonfio e spumoso e aggiungetelo poco alla volta al lievitino, alternando con la fatina setacciata, l’estratto di vaniglia e il sale. Lavorate bene finché l’impasto non sarà liscio ed elastico. Aggiungete infine la scorza di arancia e lasciate lievitare in un luogo tiepido per circa 1 ora e mezza, due ore.
Stendete l’impasto con il mattarello creando una sfoglia alta 2cm. Con un coppapasta per ciambelle ritagliate i vostri beignets e mettete su una tavola di legno sulla quale dovranno stare per una ulteriore lievitazione per altri 40 minuti circa.
Friggete nell’olio caldo i beignets, immergendoli prima dal lato più asciutto, quello che non era a contatto con la tavola. Lasciate dorare da entrambi i lati e poi scolate dall’olio in eccesso e disporre su carta assorbente.
Mettete in una ciotola e ricoprite di zucchero semolato o a velo. Se è possibile servite tiepidi.

beignets mardi gras 1

(Visited 192 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook15Share on Google+2Tweet about this on TwitterPin on Pinterest3Share on LinkedIn5Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

4 Comments on Mardi Gras beignets

  1. Paola
    18 febbraio 2015 at 6:55 (2 anni ago)

    Che voglia di andare a New Orleans che hai messo anche a me. Visitare la città e partecipare alla festa, magari con le mani piene di zucchero, che un po’ ha preso anche la punta del naso, imbiancandola, come fosse una piccola vetta. E no, in quel negozio di magia non ci entrerei.. Ho la magia a portata di morso 🙂
    Conoscevo la torta lievitata di New Orleans, non queste ciambelle. E’ sempre bello scoprire nuove ricette e tradizioni 🙂

    Rispondi
  2. paola
    18 febbraio 2015 at 19:29 (2 anni ago)

    di sicuro morbidissime,brava e grazie per la condivisione golosa e dolce,felice sera

    Rispondi
  3. Messapico
    19 febbraio 2015 at 8:11 (2 anni ago)

    Di uno sfizioso incredibilmente goloso! 😉

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *