Quiet beauty

flower photography

La Primavera porta sorprese inaspettate e l’amore cola, improvviso, lungo i bordi del bicchiere della vita, quel bicchiere che troppo spesso altri vorrebbero mostrarmi come mezzo vuoto.
La verità è che in quello che gli altri vedono vuoto, io scorgo la consistenza dei miei sogni. E forse non è costante questo sentimento di espansione ed entusiasmo, ma ringrazio coloro che mi amano per fare il possibile affinché ogni giorno io possa intravvedere la bellezza ovunque.
Oggi, tra le molte beltà, ho incrociato questi minuscoli fiorellini che mi hanno regalato tanta gioia. Non so cosa siano e conto di scoprirlo presto dalle mie amiche “erborine”, ma sono belli, teneri, amabili e mi hanno riportato a quel momento della mia infanzia in cui vedevo bellezza anche in un granello di polvere. Sto impiegando le mie energie per tornare a quella gioia incondizionata che a noi adulti, “consapevoli” e pieni di problematiche, sembra essere preclusa con l’inizio dell’adolescenza.
Perché beltà è il quieto riso della fanciullezza.

(Visited 104 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+3Tweet about this on TwitterPin on Pinterest1Share on LinkedIn3Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

4 Comments on Quiet beauty

  1. Francesca P.
    9 aprile 2015 at 22:13 (2 anni ago)

    Se mi metto a osservare la gente, alcuni comportamenti, alcuni giudizi… beh, mi sento un po’ una gatta aliena in un mondo che nonostante tutto vuole mantenere il verde acqua e il candore di quei fiorellini, così piccoli, così teneri, così fragili… e bellissimi e puri, per questi motivi…
    La primavera porta rinascita e voglia di dolcezza, io la sento tutta…

    Rispondi
  2. Paola
    12 aprile 2015 at 20:48 (2 anni ago)

    Sentirsi bambine di fronte alla primavera. E’ rinascita e scoperta. E’ nuovi incontri. Inciampare in fiorellini mai visti. Belli, per riempire quel vasetto mezzo vuoto che da adulti siamo abituati a vedere. Dalle dimensioni di un bambino, però, quel vasetto mezzo vuoto è solo un vasetto da riempire, oggi con dei fiori, domani con i nostri sogni. Pescarli uno a uno e realizzarli. Perché la primavera può tutto. E anche noi.

    Rispondi
  3. Sara Elke
    15 aprile 2015 at 23:46 (2 anni ago)

    Tu sei per me (ma non solo per me, sospetto) una delle lucine che mi spingono sempre su questo percorso verso la gioia leggera, ed è bello leggerti così illuminata dalla primavera 🙂
    I fiori nella foto sono niente meno che i Nontiscordardime!
    Vi abbraccio tutti e tre amorevole famiglia!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      16 aprile 2015 at 17:08 (2 anni ago)

      Bella la mia Elkina erborina che mi illumina sulle vicende floreali. Non so per quale ragione, i nontiscordardime li facevo proprio diversi, forse perché in Romania chiamano così le Veronica. Spero di vederti molto, molto presto. Mi servi qual Musa! Un bacione da noi tre befanini

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *