Dark chocolate, black tea and spices mug cakes

chocolate mug cakes with Kusmi tea

Bohemian set of espresso cups by Berry Red

I giorni trascorrono veloci con i London Grammar nelle orecchie e i sorrisi luminosi di mia figlia che generosamente mi distribuisce durante la giornata insieme a valanghe di abbracci e pioggia di baci. Trascorrono veloci tra set fotografici e cucina, mentre sogno di poter aprire il mio personalissimo studio un giorno. Lo vedo già, un open space con grandi finestre bianche, pavimento di cemento, una grande cucina bianca con un’isola gigantesca che possa ospitare amiche e colleghe e i clienti che con me vorranno condividere sogni e visioni. Un doppio forno e un grande frigo per creazioni spettacolari. Ai muri scaffali di metallo e legno sui quali siano disposti in ordine tutti i props, divisi per categoria e colore. Uno spazio in cui siano archiviate tutte le tavole e i background. Un angolo con un grande tavolo per shooting fotografico con tutte le luci, ombrelli e diffusori necessari. La più ampia delle finestre libera per far filtrare la luce al meglio e per sfruttarla per la maggior parte delle fotografie. Un angolo del tè con tappetti di lana, cuscini e divanetti dove ci sia presente uno scaffale ricolmo dei libri del cuore.

Questo è quanto sogno, perché quando lo faccio, lo faccio bene e non mi risparmio sui particolari. Perché sognare è vitale, proprio come l’aria che in certi momenti pare rarefatta, pare non arrivi a tutti gli organi, pare non ossigeni ogni cellula del corpo. Perché là fuori c’è sempre qualcuno che trama per metterti in disordine l’esistere, come in questi giorni di diluvio. In una sola notte è scesa la pioggia di un anno e in una sola mattina si è portata via tre anime, due delle quali le conoscevo.

E’ il gioco della vita, del Destino…un gioco un po’ perverso con regole nuove di volta in volta, che certe volte sfuggono alla mia comprensione. Un gioco che ci ricorda quanto siamo fragili e quanto è etereo e leggero il nostro esistere, che ci ricorda che dobbiamo combattere per quello che amiamo, per quello che vale, che dobbiamo lottare per prenderci tutto quanto in nostro potere, prima che il conto alla rovescia sul grande tabellone sia arrivato a 0.

Per cui amici, io sogno e faccio quanto in mio potere per realizzare i miei sogni. E per essere sicura di avere la forza, mi prendo una mug cake cioccolatosa cotta a bagnomaria/vapore con un profumo incredibile, un profumo che mi catapulta verso l’inverno. Ho usato il te nero prezioso della Kusmi vinto nel contest di Sigrid/Cavoletto dello scorso inverno. Voi potete sostituirlo con dell’ottimo te al bergamotto.

dark chocolate mug cake

Bohemian espresso cup by Berry Red

Ingredienti per 4 piccole tazzine:

*45g di farina 00 *45g di farina di mandorle *2 uova intere *1/2 cucchiaino di lievito vanigliato *2 cucchiai di miele di castagno *7 cucchiai di latte *1 cucchiaino di the nero alle spezie (io Kusmi tea Tsarevna) *50g di cioccolato nero fondente *2 cucchiai di burro *2 cucchiai di zucchero a velo+ 1 per decorare *1 cucchiaio di cacao *1 pizzico di sale

In una casseruola, a bagnomaria, sciogliete il cioccolato con il burro, il cacao e il miele. Mettete il te nero in infusione nel latte caldo per 4 minuti e poi filtrate. Aggiungete il latte al cioccolato sciolto. Aggiungete le uova una alla volta ed incorporate, lo zucchero a velo, il sale e le farine. Lavorate velocemente e distribuite in 4 piccole tazze che avrete imburrato e infarinato.
In una pentola mettete circa 4-5 cm di acqua e una piccola griglia o sottopentola di acciaio. Portate l’acqua a bollore e immergete le tazze dentro l’acqua. Lasciate cuocere a fuoco basso per circa 10min. Prima di togliere dal fuoco fatte la prova con uno stuzzicadenti.

Bohemian Set of Espresso Cups by Berry Red

(Visited 340 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook24Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest250Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

14 Comments on Dark chocolate, black tea and spices mug cakes

  1. Monica
    16 settembre 2015 at 10:24 (2 anni ago)

    Viva i sogni, i sogni limpidi di chi riesce ancora a farne, di belli, ricchi e reali.
    E concordo nella necessità di non farsi sfuggire le occasioni, perché non sappiamo cosa ci riserva la vita, fin troppo spesso beffarda.
    Adoro il tuo sogno così nitido, proprio come questo dolcetto e l’adorato Kusmi.
    Ho comprato un libretto sulle mug cake e ce le vedo perfettamente incastonate in queste giornate autunnali
    PS: hai combattuto alla grande la sfida con lo zucchero a velo!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      16 settembre 2015 at 10:42 (2 anni ago)

      Librino? Che libirino…dimmi dimmi 😀 Queste mug cake sono davvero perfette per la stagione Autunno/Inverno, per tirarsi su di morale. Lo zucchero a velo è una dannazione, a me sembra ‘mosso’ mi sembra non a fuoco, ma se l’agenzia me le ha fatte passare al test di qualità, vuol dire che sono a fuoco e che il mio occhio mi gioca brutti scherzi. 😀
      Un bacissimo

      Rispondi
  2. Emanuela
    16 settembre 2015 at 12:23 (2 anni ago)

    Stupenda la tua ricetta, e dopo aver letto il nome non puoi non partecipare al mio contest. Ti aspetto, saluti Manu.

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      16 settembre 2015 at 15:57 (2 anni ago)

      Hahaaha….grazie di cuore Manu. Più tardi passo da te. 😉

      Rispondi
  3. barbara
    16 settembre 2015 at 12:28 (2 anni ago)

    Fantastiche parole. La descrizione del tuo studio ha fatto volare la mia fantasia e mi sono immaginata seduta sul divanetto, tra tappeti di lana, libri e calore. Buona questa dark chocolate…. Posso averne ancora un po’?

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      16 settembre 2015 at 15:38 (2 anni ago)

      Puoi averne tutte le tazze che vuoi 😀

      Rispondi
  4. serena
    16 settembre 2015 at 15:40 (2 anni ago)

    Adoro tutto di questo blog… sei poesia! <3

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      16 settembre 2015 at 15:57 (2 anni ago)

      Grazie di cuore stellassa bella! Mi fai felice <3

      Rispondi
  5. SELENDIR
    17 settembre 2015 at 6:30 (2 anni ago)

    WOW!!! non dico altro. Le foto poi….lo zucchero a velo sembra polvere di stelle…ti auguro di cuore che tu possa realizzare il tuo sogno, anche perchè io mi ci vedo benissimo sui divanetti:) Ricorda però che là fuori c’è anche chi complotta per far andare la Vita come deve andare e quello che oggi vedi come un “male” può essere il preludio a qualcosa di meglio e più grande. Baciotti amorina

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      17 settembre 2015 at 6:49 (2 anni ago)

      Che bello ritrovarti qui stellina mia. Mancavi! Sai, l’alluvione di domenica si è portata via due ‘ragazzi’ che conoscevo, un mio vecchio paziente, pieno di vita e spiritoso e il cugino del mio babbo. Il destino si beffa di noi…forse per questo cerco di godermi il più possibile il mio “qui e ora” pieno di sogni e promesse.
      Ti voglio bene e sogno già di Yule ….un bacio amichetta mia

      Rispondi
  6. Vica
    17 settembre 2015 at 17:59 (2 anni ago)

    Stellina.. Che bello sognare.. Piace anche a me! La vita non sarebbe così speciale senza sogni, non credi? Se avessimo tutto saremmo annoiati e scontenti.. Mi dispiace invece per la tua perdita, un enorme abbraccio. E viva la dark chocolate, deliziosa!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      18 settembre 2015 at 8:06 (2 anni ago)

      E’ proprio vero stellina…avere tutto ci priverebbe dei sogni. 🙂 Un abbraccio grande grande grandissimo

      Rispondi
  7. Elena
    18 settembre 2015 at 13:40 (2 anni ago)

    Sognare per me è vitale, non importa che poi i sogni rimangano tali, non sempre tutto si avvera ma sognare non costa nulla e mi fa star bene…
    Quasi peccaminose queste tazzine 🙂 Un bacione

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      18 settembre 2015 at 14:06 (2 anni ago)

      Sì…per fortuna sognare è ancora gratis. Ma non diciamolo a voce alta, altrimenti trovano il modo di tassarci anche i sogni…
      Un abbraccio Ely

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *