No bake banoffee pie & Dalani’s Spring suggestions

no bake banoffee pieOnAir – Of Monsters And Men – Dirty Paws

La banoffe qui in casa piace molto. Piace la banoffee pie classica con tanto caramello, cioccolato e panna, piace la banoffee senza cottura e non troppo dolce come quella che vi propongo oggi, piace l’affogato di banoffee nel bicchiere con caramello, vaniglia e rhum scuro.
La verità è che siamo golosi e anche se io sono una signora da salato più che da dolce, ci sono dolci di fronte ai quali non posso tirarmi indietro.
E visto che l’inverno langue e che la primavera come avrete notato sulla fanpage del Cottage, qui ha molta fretta di arrivare, ho deciso di proporvi questa banoffee senza cottura prima che irrompa il caldo e a tutti vengano i sensi di colpa per ogni singola caloria assunta a cucchiaiate.

Ingredienti per 4 banoffee monoporzione: 300gr di biscotti Digestive, 3 cucchiai di arachidi tostate, 150gr di burro, 140gr di zucchero per il caramello, 5 cucchiai di sciroppo d’acero, 4 cucchiai di panna, 2 banane medie, 1 cucchiaio di rhum scuro, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, 200gr di ricotta

Utensili: 4 coppapasta della stessa dimensione (io 4cm di diametro) + 1 teglia rettangolare

Tritate finemente con l’aiuto del mixer i Digestive e le arachidi tostate. In una ciotola lavorate il composto così ottenuto insieme al burro che avrete fatto sciogliere fin quando sarà omogeneo. Prendete la teglia rettangolare, rivestitela con cartaforno, disponetevi i coppapasta e con l’aiuto di un cucchiaio distribuite il composto di biscotti in modo uniforme in ciascuna di esse. Pressate con il fondo del cucchiaio, soprattutto sui bordi poi mettete in frigo e lasciate riposare per 30-35 minuti.
Nel frattempo, in una casseruola mettete lo zucchero a sciogliere, lentamente. Quando inizierà a cambiare colore e da trasparente diventerà dorato, togliete la casseruola dal fuoco e aggiungete le banane tagliate a fette e la panna fresca. Rimettete la casseruola sul fuoco a fiamma bassa e amalgamate lentamente facendo attenzione a non rompere le fette di banana. Se il caramello fosse troppo denso, potete aggiungere 1 cucchiaio di latte. Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire. Nel frattempo, in una ciotola, lavorate la ricotta con lo sciroppo d’acero e l’estratto di vaniglia. Se volete, potete sostituire la ricotta con una crema fatta con 100gr di mascarpone e 100ml di panna fresca liquida, da lavorare insieme con la frusta, lo sciroppo e la vaniglia. Sarà più liscia e soffice, ma anche più calorica.
Togliete dal frigo la base di biscotti e disponete su un vassoio da portata. Assemblate le mini pie mettendo la crema di ricotta ed infine le banane al caramello. Se volete potete guarnire con panna fresca e riccioli di cioccolato fondente.

banoffee pie no bake

Forse proprio preda di questa primavera che spinge contro le porte dell’inverno che il 20 Gennaio vi parlavo della mia ossessione per i nuovi colori che Pantone ha scelto per il 2016.
Alla ricca whishlist primavera 2016 di un mese fa si sono aggiunti anche il servizio piatti di Bitossi Home e i bicchieri in vetro soffiato di Poseidon Ichendorf. E sapete di chi è la “colpa”? Di Dalani e delle sue proposte per la mise en place di primavera. Quattro proposte con i nuovi trend che potete consultare direttamente sul Magazine Dalani per lasciarvi ispirare.
Inutile dire che io tra le quattro proposte ho scelto proprio le sfumature pastello di Rosa Quarzo e Serenity che sono poi i colori Pantone del 2016. Guardate un po’ e ditemi se non è davvero bella la loro proposta!

01-Dalani-tavola-Rose-Quartz-Serenity-trend-Primavera-dettaglio

01-Dalani-tavola-Rose-Quartz-Zerenity-styling-Margot-Zanni (1)

01-Dalani-tavola-Rose-Quartz-Serenity-trend-Primavera

(Visited 268 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest9Share on LinkedIn4Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

8 Comments on No bake banoffee pie & Dalani’s Spring suggestions

  1. Francesca P.
    25 febbraio 2016 at 14:01 (2 anni ago)

    … Lo sai che se mi apparecchi una tavola così io salto subito giù dall’altalena e ti raggiungo con un balzo felino, entrando direttamente dalla finestra! 🙂 Mi sembra di essere su una nuvola primaverile in cui esistono solo cose belle, levigate dal romanticismo e spolverate di cipria…
    La tua ricetta non la conoscevo, ma si presenta benissimo! E oggi vedo una luce diretta su un set luminoso, la tenda si è aperta per far circolare tutta l’aria di questo periodo di rinascita…

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      25 febbraio 2016 at 14:40 (2 anni ago)

      Lo so. 😀 I nostri colori preferiti, che in mezzo a tanto bianco e tanta luce ci sembrerebbe di essere sempre in una piccola Provenza nel cuore di Parigi.
      La ricettina è una reinterpretazione della classica banoffee che presto proporrò al Cottage, per non far torto a nessuna di quelle ricettine che ho sul mio quaderno.
      E sì, la luce è entrata diretta dalla finestra. Niente tende, diffusori, solo luce, tanta luce, che inizio ad avere sete di Primavera e di giornate soleggiate, mentre mi spingo tra le coperte per uscire fuori, come un croco tra le foglie secche dell’inverno.
      Baciotto

      Rispondi
  2. Laura e Sara Pancetta Bistrot
    26 febbraio 2016 at 21:40 (2 anni ago)

    Con la banoffeee abbiamo un conto in sospeso, la storia è lunga e anche piuttosto comica, un giorno te la racconteremo, ma nel frattempo dovremmo darle un’altra chance provando la tua ricetta 🙂 La Primavera è impaziente di arrivare al Cottage come al Bistrot, non vediamo l’ora di riempire la tavola di fiori!!
    Un bacione e dolce weekend!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      1 marzo 2016 at 10:02 (2 anni ago)

      Sicuramente merita una chance. Anche più di una.
      E la primavera qui, tra un diluvio e l’altro, ha fretta di arrivare. Le bordure di narcisi sono letteralmente esplose in una fioritura gialla oro. E nelle campagne susini e ciliegi non si sono fatti attendere. I fiori sono arrivati ancor prima delle foglie.

      Rispondi
  3. Margherita
    1 marzo 2016 at 0:18 (2 anni ago)

    Ti confesso che se dovessi fare una classifica di questo post non saprei da che parte iniziare… 1) la canzone, io li adoro tanto da essere andata pure a due dei loro concerti 2) la Banoff?!?! Ne vogliamo parlare? No, forse meglio di no visto che sono appena tornata dalla palestra 3) le foto? MERAVIGLIOSE 4) l’apparecchiatura, che per caso é già primavera li da voi?!?!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      1 marzo 2016 at 10:04 (2 anni ago)

      Oh, che meraviglia, sono tra i gruppi che ascolto di più mentre lavoro e viaggio. La banoffee è da mangiatori seriali 😛 Le foto lasciano già intravvedere la primavera che qui ha fretta di arrivare. E la mise en place non è merito mio, ma colpa di Dalani! 😀

      Rispondi
  4. Vica
    7 marzo 2016 at 11:10 (2 anni ago)

    Dalani è un sito che adoro. Ed è grazie proprio ai food blogger che l’ho scoperto! Spettacolari questi banofee Reb; unioni di sapori che mi piacciono proprio tanto! L’hai creata tu la ricetta?

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      7 marzo 2016 at 11:33 (2 anni ago)

      Anche io lo adoro. Ci spenderei ogni giorno un capitale, se lo possedessi, con la conseguenza che dovrei poi comprare un capannone per metterci le cose. 😀 La banoffee è uno dei dolci più consumati oltre oceano, questa ricetta in particolare è una mia creazione, come quasi tutte le ricette che faccio. Ne ho qualche versione, dalla pie, alla cake… 😉

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *