Broccoli stem and hazelnut pesto

broccoli stem pesto
“L’universo è pieno di cose magiche in paziente attesa che le nostre facoltà mentali si affinino.” Bertrand Russell

Ci sono mattine che attraverso di corsa il vialetto di casa e ho già la mente settata sul lavoro che mi aspetta. Porto la prole a scuola e durante il viaggio in macchina la mia mente sta già concependo una ricetta. Nel ritornare sono settata invece su possibili set e tutto il santo giorno i pensieri sono in evoluzione.
Poi ci sono mattine che è come se quel viale appartenesse ad un altro mondo, come fosse un universo parallelo. C’è una connessione immediata con il mondo circostante che di tanto in tanto dimentico di scrutare. Osservo la Natura in tutta la sua infinita bellezza. Così piena, colma di cose inspiegabilmente belle. E nel vederle tutto ha un nuovo senso e sono grata, grata per avere la possibilità ogni tanto di poter vedere con occhi, con cuore, con anima diversi, più consapevoli, con mente aperta anche all’impossibile e alle infinite vie del Possibile.
E capita anche in cucina dove mi sono sorpresa ultimamente, meditando su quante cose consideravo scarto e buttavo, mentre nonna utilizzava.
Da qualche tempo non scarto più, utilizzo, riutilizzo e certe volte quando il dubbio sul fatto che quella parte sia o meno commestibile mi assale, affronto brevi ricerche in rete, che vista l’affidabilità, finirò avvelenata un giorno o l’altro.
Così era anche per i gambi e le foglie del broccolo fino a qualche tempo fa. Scartavo, perché duro, fibroso, e poco gradito in tavola. Poco gradito perché semplicemente bollito poteva non risultare appetitoso, ma trasformato lo è eccome.
Se non lo faccio arrostito insieme ad altre verdure, lo utilizzo per hummus, creme, condimenti e pesto svuota frigo.
Quello di oggi è un pesto fresco, facile e molto gustoso. Ha la freschezza della primavera e del limone che tanto adoro. E’ buono sulla pasta con qualche acciughina, ma anche come farcia per panini gourmet.
Ecco cosa vi serve…

broccoli stem

Ingredienti per circa 300gr di pesto: i gambi di due broccoli, le infiorescenze di mezzo broccolo, eventuali foglie del broccolo, 1/2 spicchio di aglio, 5 cucchiai di Parmigiano grattugiato, 70gr di nocciole tostate e pelate, la scorza grattugiata di 1 limone, il succo di mezzo limone, 2 capsule di cardamomo, le foglie di 3 rametti di menta fresca, 3 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale pepe misto macinato fresco, ghiaccio per fermare la cottura

Lavate e pulite dalle parti secche i gambi dei broccoli. Tagliate a rondelle spesse, o per il lungo se preferite e sbollentate per circa 12 minuti in abbondante acqua salata. A 5 minuti dalla fine della cottura aggiungete anche le infiorescenze e le foglie dei broccoli. Scolate dall’acqua di cottura e mettete tutto in una ciotola con acqua e ghiaccio per bloccare la cottura. Scolate bene dall’acqua e mettete tutti gli ingredienti nella ciotola del mixer. Sminuzzate il tutto per circa 25 secondi o fino ad ottenere un risultato cremoso.
Utilizzatelo come gradite di più. Se mettete un po’ di olio EVO in un baratolo e versate il pesto dentro, coprendo con altro olio e il coperchio, potrete conservarlo in frigorifero per circa 5 giorni.

#KitchenWaste #VegFriendly
broccoli stem pesto

hashtag becky

(Visited 147 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook8Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest12Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someone

3 Comments on Broccoli stem and hazelnut pesto

  1. Francesca P.
    10 aprile 2016 at 19:55 (1 anno ago)

    Il pesto già da un po’ rappresenta la mia filosofia di vita: è vero che a volte è necessario gettar via qualcosa (e fa anche bene…), ma quasi sempre bisogna saper valorizzare ciò che si ha, trovare il modo di “curarlo” fino all’ultimo, avere idee per creare qualcosa di diverso che può stupire, assemblare ingredienti e liberare la fantasia… ecco il segreto! Se diamo importanza anche a quello che sembra non averla, possiamo avere grandi sorprese e leccarci i baffi in tutti i sensi! Quel Possibile di cui parli è la chiave che apre tante porte… basta provare, basta crederci… persino Parigi sembra vicina, così, eh? 🙂

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      11 aprile 2016 at 13:40 (1 anno ago)

      Sì stella, perfino Parigi sembra più vicina così. Molto più vicina. E valorizzare e dare importanza alle cose, perfino alle più piccole e apparentemente insignificanti, è la cosa migliore che possiamo fare per noi stessi per gli altri.
      Un bacione

      Rispondi
  2. Melania
    13 aprile 2016 at 22:04 (1 anno ago)

    Ultimamente succede anche a me, di non buttare via gli scarti. Proprio oggi, raccoglievo le idee per la prossima ricetta.
    Non mi è sempre facile capire da dove voglio partire. Proprio perché come hai scritto tu, a volte, il cammino sembra uguale e limpido, altre meno.
    Ma poi, mi basta taccogliermi in quelle cose che mi regalano semplicità e amore e la via la ritrovo.
    Il pesto qui da me in Sicilia è un’istituzione. E negli ultimi tempi, sperimento anche io. 🙂 a prestissimo

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *