Candied ginger & dates Hummingbird cake. Winter Edition

 

Vivo con estrema gioia la mia condizione di innamorata delle feste natalizie, dell’inverno e anche quest’anno non intendo scusarmi con nessuno perché fremo in attesa dell’arrivo della prima neve e di quelle festività che sono il legame diretto con la mia bimba interiore, ma soprattutto il filo rosso che mi lega a doppio nodo al periodo più felice della mia vita: gli anni vissuti accanto a nonna, gli anni vissuti in Romania.
Lo scorso anno qui non si è visto nemmeno mezzo fiocco e se l’Inverno volesse recuperare quanto ci ha fatto mancare lo scorso gennaio, io non potrei che esserli grata.
Qui sono già un paio di giorni che abbiamo iniziato la gara condominiale a chi espone per primo le decorazioni. Sono stata battuta clamorosamente dai vicini, arrivati decisamente in anticipo, ma stasera, primo dicembre, intendo recuperare abbondantemente con l’albero.
Non c’è momento migliore. E no, nemmeno per questo intendo chiedere scusa o tanto meno giustificarmi.
Il nostro cuore, i nostri occhi, hanno bisogno di bellezza.
La bellezza del Natale, dell’inverno, mitiga la tristezza degli insuccessi, delle piccole o grandi perdite, mitiga le brutture. Le bellezza delle piccole e grandi cose ci aiuta a vincere la paura, la rabbia, lo scontento.
Per cui, consapevole di non avervi ossessionati già da settembre, come faccio di solito, ora mi prendo lo spazio per farlo e gridare il mio desiderio di neve e Bellezza.
Dicembre lo inizio con una torta che è certezza, l’americana Hummingbird cake “torta Colibrì”. Le origini di questa si perdono lontane nel tempo, di ricetta in ricetta, di modifica in modifica, di famiglia in famiglia.
Considerati quelli che sono gli ingredienti, probabilmente l’origine è giamaicana. Si è diffusa molto negli stati confederati per poi approdare per la primissima volta sulla carta stampata sul famoso magazine Southern Living nel lontano 1978.
Ogni famiglia ha la sua ricetta. Ogni famiglia aggiunge quel qualcosa in più per rendere speciale la ricetta, che di base è semplice, fatta con uova, farina, olio, zucchero, ananas, banane molto mature e noci pecan, poi ricoperta con una semplice crema.
Io l’ho già fatta altre volte sperimentando varie ricette americane, più o meno soddisfacenti secondo il mio gusto -forse troppo europeo- ma in questi giorni in cui sento stranamente voglia e bisogno di dolci, avevo voglia di farla e ho pensato che potevo proporla qui al Cottage quale perfetto dolce per la sera della Vigilia di Natale.
Ma per una simile proposta, ci voleva una modifica degna di nota, che richiamasse l’inverno in tutto e per tutto, vista la natura esotica del dolce.
Sono partita dalla mia base, quella che ho adattato nel tempo, ho guardato in dispensa e la modifica mi è saltata all’occhio molto velocemente. L’aggiunta dello zenzero candito, dei datteri e le banane e l’ananas caramellati e sfumati con un rhum aromatico speziato, l’aggiunta delle mia miscela di spezie ed ecco: la Hummingbird Cake, Winter edition!
Buona, facile da fare, potete lasciarla mescolare ai vostri bimbi che saranno felici di pasticciare con nuvole di farina.

OnAir: The Christmas Blues – Dean Martin

Ingredienti per una torta da 22cm di diametro:
* 370 g di farina 00
* 350 gr di zucchero di canna integrale + qualche 3 cucchiai per cuocere le banane e l’ananas
* 3 uova
* 160 ml di olio d’oliva
* 200 gr di noci miste (anacardi, noci, nocciole, mandorle)
* 2 banane mature di grosse dimensioni o tre più piccole
* 250 gr di ananas al naturale in scatola
* 1 cucchiaino del mio melange di spezie
* 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
* 100 gr di datteri
* 50 gr di zenzero candito
* 1 pizzico di sale
* 1 bustina di lievito per dolci
* 1 bicchierino di rum speziato

Per la crema:
* 250 gr di mascarpone
* 300 ml di panna fresca da montare
* 200 gr di zucchero a neve

Preparazione: Preriscaldate il forno a 180°C.
Tostate il mix di noci in forno fino a quando saranno perfettamente dorate. Lasciate raffreddare e tritate finemente.
In una casseruola mettete i 3 cucchiai colmi di zucchero di canna e aggiungete le banane tagliate a pezzetti e l’ananas scolato dal suo succo e anch’esso tagliato. Saltate a fiamma vivace, fin quando inizierà quasi a caramellare. Aggiungete il bicchierino di rum speziato e lasciate evaporare l’alcool.
Lasciate raffreddare.
In una terrina capiente mescolate gli ingredienti secchi, aggiungete le uova leggermente sbattute e l’olio. Amalgamate con l’aiuto di una frusta o di una forchetta. Aggiungete infine anche le banane e l’ananas, i datteri e lo zenzero candito tagliati a cubetti e il mix di noci tostate. Mescolate fin quando gli ingredienti non saranno perfettamente amalgamati.
Rivestite con carta forno due teglie a cerniera da 22 centimetri di diametro e dividete l’impasto in parti uguali. Fate cuocere nel forno preriscaldato per circa 35 minuti o fin quando con la prova dello stuzzicadenti, questi non uscirà pulito dall’impasto.
Lasciate raffreddare nella teglia per 10 minuti, poi trasferite su una graticola fino a completo raffreddamento.
Preparate la crema montando con la frusta il mascarpone, la panna e lo zucchero per pochi secondi, fin quando la crema non sarà liscia e morbida. Attenzione, più montate la crema, più si indurisce.
Assemblate la torta mettendo tra i due dischi di pasta metà della crema, mentre l’altra metà mettetela sulla parte superiore della torta. Potete decorare a piacere con meringhe o noci tostate e sminuzzate.
Se volete creare una torta più scenografica, raddoppiate le dosi, oppure scegliete 4 teglie a cerniera da 15 centimetri di diametro.

Candied Ginger & Dates Hummingbird Cake. Winter Edition

Serves 6


Write a review

Print

Prep Time
25 min

Cook Time
35 min

Total Time
1 hr

Prep Time
25 min

Cook Time
35 min

Total Time
1 hr

Ingredients for a 22cm diameter cake
  1. 370 g of all-pourpose flour
  2. 350 gr whole cane sugar + some 3 full tablespoons to cook bananas and pineapple
  3. 3 eggs
  4. 160 ml of olive oil
  5. 200 gr mixed nuts (cashew nuts, walnuts, hazelnuts, almonds)
  6. 2 large sized or three smaller ripe bananas
  7. 250 gr of canned natural pineapple
  8. 1 teaspoon of my spice melange < / a>
  9. 1 teaspoon of vanilla extract
  10. 100 gr of dates
  11. 50 gr of candied ginger
  12. 1 pinch of salt
  13. 1 cup of baking powder
  14. 1 shot of spicy rum

(Visited 118 times, 1 visits today)

Let everyone know… Share!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest15Share on LinkedIn0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0Share on Yummly0Share on Reddit0Email this to someonePrint this page

8 Comments on Candied ginger & dates Hummingbird cake. Winter Edition

  1. Rossella
    1 dicembre 2017 at 9:25 (2 settimane ago)

    Sai una cosa?
    Qualche anno fa, al ritorno dalle vacanze estive, tornavo in ufficio e i primi di settembre, tutta gasata (tutta abbronzata!), mi sporgevo in avanti sulla scrivania e sussurravo alla mia amica e collega seduta sulla scrivania davanti a me: “Ci pensi che fra poco è Nataleeee???”.
    Ecco, questo per dirti quanto io possa essere allineata a tutta questa bellezza che guarisce (chi ne è sensibile ;))… 😉
    Un abbraccio, belle parole, bella torta, splendide foto..

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      1 dicembre 2017 at 9:50 (2 settimane ago)

      Come mi piace, scoprire di volta in volta le cose che ci accomunano e anche quelle che ci rendono meravigliosamente diverse, o complementari. Ecco! Io di solito rompo l’anima con il Natale già da settembre, ma quest’anno complici le vacanze al mare fatte tardissimo, forse complice la sabbia che avevo addosso, non ho stressato nessuno.
      I mesi si sono susseguiti velocemente. Avevano fretta tutti di andare chissà dove…Così è volato via settembre, ottobre, novembre. Ed ecco dicembre, che cerco di trattener il più possible, vicino al cuore.
      Ti abbraccio bella Ross

      Rispondi
  2. Francesca
    3 dicembre 2017 at 19:47 (2 settimane ago)

    Dicembre va iniziato bene… questo ho capito, nel tempo, anno dopo anno. Va incoraggiato, preso per mano e per la gola, coccolato, invocato, valorizzato… ci sto provando a essergli amica, a non farlo aspettare sulla porta, a invitarlo ad entrare, a farlo accomodare, per stabilire subito una connessione… forse mi può dare più di quanto immagino… e se la prima stretta di mano avviene con una torta, magari è fatta! Sorrido… abbiamo deciso di salutarlo entrambe in questo modo! Voglia di creme, di morbidi strati e solide basi, di biancho puro, di luci(ne), di intimo calore… adoro queste tue foto, viste qui in grande rendono ancora meglio! La fatina dei boschi che sei è uscita tutta… e se è solo il debutto, non oso immaginare come proseguirai! 😉

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      6 dicembre 2017 at 11:15 (2 settimane ago)

      Dicembre è Magico, non può che essere bene accolto! <3
      Un abbraccio Franci

      Rispondi
  3. Elena
    12 dicembre 2017 at 19:28 (5 giorni ago)

    Dicembre è il mese della bellezza per eccellenza, almeno per me, riscopro quei sentimenti che rimangono sopiti per tutto l’anno, mi piace stare in casa addobbando a festa gli ambienti, cucinare e usare il forno per esperimenti ma questa torta non potrei mai farla, è spettacolare,grandiosa, bellissima e sa di Natale, di famiglia, di calore e di bontà! Ecco il Natale sta arrivando…. Baci grandi!

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      14 dicembre 2017 at 9:52 (3 giorni ago)

      Come non potresti? Allergie? Se è per la difficoltà, giuro che non ce n’è! Un abbraccione grande

      Rispondi
  4. Elisa
    13 dicembre 2017 at 19:27 (4 giorni ago)

    Che meraviglia! Sono rimasta estasiata di fronte a questa bellezza!
    Direi che è l’ideale per festeggiare dicembre e l’inizio dei preparativi per il natale, festa che anche io amo particolarmente.
    Mi ci ritrovo nella tua voglia di bellezza e del candore bianco della neve che sembra portare via tutto il brutto che abbiamo attorno ogni giorno.
    Benvenuto dicembre!
    ps. la voglia di neve poi l’hai soddisfatta eh?!? <3

    Rispondi
    • Rebecka
      Rebecka
      14 dicembre 2017 at 9:51 (3 giorni ago)

      Brevemente Elisa, ma l’ho soddisfatta. Sono riuscita a giocare un po’ con la piccolina fuori, sotto piccoli cristalli di acqua ghiacciata. Meraviglia! Questa tortina vale la pena di essere fatta, giuro!
      Un abbraccione grande

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *